Navigazione: "Trattative in corso, ma rilevanti ostacoli"
La SNL fa il punto della situazione sull'avvio del Consorzio: "Cavilli giuridici, più rischi che opportunità"
Redazione
Navigazione: "Trattative in corso, ma rilevanti ostacoli"
Navigazione: "Trattative in corso, ma rilevanti ostacoli"

Le trattative sul Consorzio per garantire la navigazione sul bacino svizzero del Lago Maggiore sono in corso, ma sono emersi "rilevanti ostacoli" attribuili alla diversità dei sistemti giuridici tra Svizzera e Italia. Lo comunica in una nota la Società Naviazione del Lago di Lugano, coinvolta nelle trattative assieme al Dipartimento Federale dell’Ambiente dei Trasporti dell’Energia e delle Comunicazioni e il Cantone, per la parte svizzera, e al Ministero delle Infrastrutture e dei Traporti e la Gestione Governativa Navigazion Laghi, per la parte italiana. 

Il 28 febbraio, ricordiamo, scadranno i termini della trattativa, ma per ora "non è stato possibile perfezionare l'accordo, contrariamente alla volontà e al costante impegno di SNL" si legge nella nota inviata dalla Società Navigazione Lago di Lugano, che allo stesso tempo ha preso atto delle preoccupazioni espresse dai sindacati SEV, Unia e OCST sulla riattivazione dei servizi. 

"In questa fase, sono emersi rilevanti ostacoli attribuibili alla diversità dei sistemi giuridici con conseguenti ripercussioni di natura contrattuale che non avrebbero offerto serie garanzie ai lavoratori né consentito un’operatività efficace, comportando più rischi che opportunità " scrive SNL.

"Questo stallo si è purtroppo verificato nonostante gli sforzi costanti di SNL tesi a creare uno strumento che possa difendere i collaboratori della navigazione e possa essere commercialmente valido, di positivo impatto sulla comunità e sull’ambiente".

"Purtroppo questi ostacoli hanno considerevolmente rallentato il progetto".

"La chiara volontà di SNL" conclude la nota, "rimane quella di individuare con la massima determinazione soluzioni valide, anche se al momento non è ancora stato possibile dar vita al consorzio, di cui si auspica la realizzazione".