Ticino
Massagno, primo agosto con il Crus
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
17 giorni fa
Così l’allenatore del FC Lugano per la festa nazionale svizzera: “Non abbiate paura di perseguire le vostre idee restando fedeli ai vostri principi”

Massagno ha festeggiato il Natale della Patria con l’allenatore del Football Club Lugano Mattia Croci Torti. La festa ha avuto luogo al Grotto Valletta dove sono state accolte circa 150 persone. Molte le autorità presenti, fra le quali anche il Consigliere nazionale Fabio Regazzi, il Consigliere di Stato Christian Vitta e il Municipale a Lugano Filippo Lombardi.

Croci Torti: “Fiero di poter trasmettere i valori della Svizzera”
L’allenatore del Lugano Mattia Croci Torti nell’ambito della sua allocuzione del primo agosto ha voluto lanciare un importante messaggio: “L’unico insegnamento che con umiltà posso permettermi di trasmettervi oggi è il seguente: non abbiate paura di perseguire le vostre idee restando fedeli ai vostri principi con un pizzico di sana ostinazione. In un contesto sociale, non va dimenticato, nel quale qualsiasi persona si può permettere di commentare, criticare, giudicare l’operato altrui nascondendosi dietro a fantomatiche tastiere.” Dimostrare coraggio, cogliere le opportunità e andare dritti per la propria strada, questi i messaggi chiave lanciati dal Crus e che gli hanno permesso di raggiungere importanti risultati sportivi. “Oggi, come in quel 15 maggio – conclude Mattia Croci Torti riferendosi alla vittoria della Coppa Svizzera con il Lugano - mi sento particolarmente fiero di essere cittadino svizzero e di poter continuare a trasmettere i valori che hanno scritto la storia del nostro Paese, come la solidarietà, la democrazia, l’accoglienza e la nostra diversità che ci rende unici.”

© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi

Bruschetti: “Dopo la pandemia rifugiamoci nelle certezze di Massagno”
Il sindaco di Massagno Giovanni Bruschetti, nella suo discorso introduttivo, ha parlato del ritorno alla normalità dopo la pandemia, “ritorno accompagnato purtroppo da problemi a livello internazionale, per questo oggi vale la pena concentrarsi su Massagno, rifugiandosi nelle certezze che riguardano il nostro Comune, con i progetti recentemente avviati, come la trasformazione della Casa Ippocastano in sede per 2 sezioni di Scuola dell’Infanzia”.

Inno nazionele e Montanara
Al termine della parte ufficiale, tutti i cittadini e le autorità presenti - guidate dal Sindaco Giovanni Bruschetti, da Filippo Lombardi e dal Presidente della Pro Massagno Franco Locatelli - hanno intonato l’inno nazionale e l’ormai tradizionale “Montanara”.

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata