Terza età
Il quartiere intergenerazionale di Coldrerio: "Più di una casa anziani"
Screenshot video
Screenshot video
Redazione
10 mesi fa
Il progetto, nato dalla collaborazione tra la Fondazione Parco San Rocco, il Comune e il Cantone, prevede diversi scambi intergenerazionali grazie ai molteplici servizi presenti nel centro polivalente.

Quando si pensa a “casa anziani” è facile immaginare un centro in cui le persone di terza età hanno raramente l’opportunità di incontrare i più giovani - non contando gli infermieri che ci lavorano - . Non è però quello che è stato previsto per il quartiere intergenerazionale di Coldrerio.

La nascita del progetto

Il progetto è nato dalla sinergia tra la Fondazione Parco San Rocco, il Comune e il Cantone. Il centro polivalente e gli appartamenti sono gestiti dalla fondazione Croci-Solcà. Per la superficie di 5'000 metri quadrati sono stati investiti una 40ina di milioni di franchi, per creare i 70 posti letto.

Una nuova definizione di “casa anziani”

Il centro polivalente, grazie ai suoi molteplici servizi, come un ristorante, una gelateria, un panificio, un asilo nido e un parrucchiere, ha deciso di adottare una filosofia specifica: “Relazione e invecchiamento attivo”. Il presidente del Consiglio di Fondazione Parco San Rocco, Franco Porro, afferma infatti: “Non è più la casa anziani di 30 anni fa. È la casa dei nonni. Giovani e anziani possono condividere le loro esperienze”. Porro continua inoltre: “Il centro è situato tra l’asilo e la scuola elementare. Il nonno può parlare con altre persone della sua età o con giovani e portare le sue esperienze di vita”.

Risposte rapide e personalizzate

La filosofia di una maggiore attività e un confronto intergenerazionale per le persone di terza età si sposa con la pianificazione anziani 2030 del Cantone, come conferma ai microfoni di Ticinonews il Direttore del Dipartimento della Sanità e della Socialità, Raffaele de Rosa. “Con questa pianificazione intendiamo dare le risposte necessarie e indispensabili ai bisogni dell’anziano. È importante dare risposte rapide e personalizzate agli anziani e alle loro famiglie”.

Un nuovo concetto di relazioni intergenerazionali

Ad oggi il quartiere ospita circa 79 anziani supportati da un centinaio di assistenti e infermieri. La struttura, realizzata dallo studio di architettura Tibiletti Associati, rappresenta un’opera di riqualifica importante a vantaggio di tutta la comunità di Coldrerio. Il sindaco di Coldrerio ci spiega: “Chiunque può venire per un caffè o un pasticcino o per andare dal parrucchiere. Non è solo un centro polivalente, una casa per anziani, ma un nuovo concetto di relazioni intergenerazionali che va a favore di tutta la popolazione”.