Grandi eventi, limitato a due terzi il numero di spettatori
Potranno inoltre essere occupati solo i posti delle tribune. Consumazione unicamente nelle strutture di ristorazione
Redazione
Grandi eventi, limitato a due terzi il numero di spettatori
© CdT/Gabriele Putzu

La variante Omicron spaventa il Consiglio di Stato, che ha introdotto nuove misure cantonali per limitarne la diffusione. Gli spettatori dei grandi eventi sportivi e culturali (con più di mille spettatori) dovranno esibire un certificato 2G, indossare obbligatoriamente la mascherina, rimanere seduti e potranno consumare cibi o bevande solo nelle strutture della ristorazione. Per ridurre gli assembramenti prima e dopo gli eventi, potranno essere occupati solo i posti delle tribune. Il numero massimo di spettatori presenti sarà inoltre limitato ai due terzi della capacità delle strutture. Queste disposizioni cantonali resteranno in vigore fino al 16 gennaio 2022.

L’evoluzione, si legge nel comunicato, “rimane preoccupante, con un numero di nuovi casi giornalieri molto elevato”. L’impatto sul settore ospedaliero “rimane al momento limitato, nonostante un aumento di persone ospedalizzate, mentre il numero molto elevato di isolamenti e quarantene inizia a influenzare alcuni servizi alla popolazione e attività economiche essenziali”.

Il Consiglio di Stato ricorda inoltre che restano in vigore tutte le disposizioni federali già note, come l’obbligo del telelavoro e le disposizioni particolari per le attività al chiuso e gli incontri privati.

La popolazione “è invitata ad assumere comportamenti prudenti, limitando al minimo la frequenza e il numero di contatti sociali, rispettando scrupolosamente le norme di protezione personali (mascherina, distanza, igiene delle mani e arieggiamento dei locali) e facendosi testare al minimo sintomo”.

  • 1