Gli alberghi alzano i prezzi in Ticino e Grigioni
I pernottamenti sono più cari del 4-5% rispetto alla scorsa estate. Preoccupazione per le altre strutture nel paese, dove c’è stato un crollo
di Keystone-ATS
Gli alberghi alzano i prezzi in Ticino e Grigioni

Aumentano i prezzi in Ticino e nei Grigioni per le camere d’albergo nella stagione estiva: rispetto alla scorsa estate i pernottamenti sono rispettivamente del 5% e del 4% più cari. La tendenza è però limitata solo a queste regioni: nell’Oberland bernese e in Vallese si è assistito a un crollo tra il 18% e il 20%.

È quanto scrive oggi il domenicale svizzerotedesco “NZZ am Sonntag”, basandosi su una valutazione dell’operatore Switzerland Travel Centre.

I Grigioni e il Ticino sono tra le mete preferite dei turisti elvetici e le restrizioni legate ai viaggi all’estero a causa del coronavirus hanno fatto lievitare la domanda interna.

Ciò significa anche buoni affari per le regioni di montagna. “Abbiamo recuperato le perdite della primavera”, sostiene Kurt Baumgartner, albergatore di Scuol (GR), citato dal domenicale.

C’è invece più preoccupazione per quanto riguarda gli hotel delle varie città elvetiche.

  • 1