Ticino
Elezioni, Ps e Verdi verso la lista unica
Immagine Cdt/ CHiara Zocchetti
Immagine Cdt/ CHiara Zocchetti
2 mesi fa
L’obiettivo è quello di “contrastare la deriva a destra del cantone”. In caso di voto positivo, l’alleanza aprirà le trattative per discutere dei dettagli. Verrà inoltre valutato il coinvolgimento di altri attori della Sinistra

Il Partito socialista e i Verdi sono sempre più vicini a formare una lista unica per le elezioni al Consiglio di Stato del 2 aprile 2023. L’obiettivo, come spiegano i vertici del Ps, è quello di “contrastare la deriva a destra del Canton Ticino”. La proposta verrà discussa al comitato cantonale del partito il prossimo 17 giugno, mentre la decisione finale verrà presa dal congresso il 13 novembre.

“Una pericolosa deriva”
Con quella che viene definita “una pericolosa deriva verso destra”, con la quale anche partiti storici come Plr e Ppd “si affiancano a Udc e Lega nel loro attacco allo Stato e al servizio pubblico”, è più che mai è necessario “unire e rafforzare il polo progressista”, vera e unica alternativa alla Destra, “conciliando la giustizia sociale a quella ambientale”.

“Un cantone sempre più polarizzato”
La maggioranza della destra, si legge in un comunicato, porta avanti “una politica di privilegi per pochi benestanti, chiudendo gli occhi di fronte alle difficoltà della maggioranza della popolazione e all’emergenza climatica”, nel contesto di un cantone che sta diventando “sempre più polarizzato”.


Possibile il coinvolgimento di altri partiti
Ps e Verdi intendono quindi discutere con le rispettive basi della possibilità di correre insieme per l’Esecutivo cantonale, con l’intento di “porre le fondamenta per un’alleanza stabile e duratura”. In caso di voto positivo sulla decisione di principio di presentare una lista unica, l’alleanza socialista-verde “aprirà le trattative per discutere dei dettagli” e valuterà il coinvolgimento di altri attori della Sinistra.


© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata