Deduzioni più alte per i figli in cura, torna l’idea in Ticino
Dopo che il nostro Cantone era stato uno degli unici ad approvare l’idea nella votazione federale del settembre 2020, Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd) ripropone l’oggetto a livello cantonale
di daco
Deduzioni più alte per i figli in cura, torna l’idea in Ticino
Immagine © CdT/ Chiara Zocchetti

Portare a 25’000 franchi la deduzione fiscale in Ticino per la cura dei figli affidata a terzi. È, riassumendo, il contenuto dell’iniziativa parlamentare elaborata dalla gran consigliera Ppd Maddalena Ermotti-Lepori.

Al voto in Svizzera l’anno scorso
L’idea riprende quella sottoposta al voto popolare, a livello svizzero, lo scorso 27 settembre. In quell’occasione, popolo e Cantoni avevano respinto l’aumento delle deduzioni. Le uniche eccezioni sono state Ginevra e soprattutto il Ticino, che aveva accolto l’oggetto con il 52,1% di “sì”.

Idea riproposta in Ticino
Visto il successo dell’idea in Ticino, Ermotti-Lepori la ripropone a livello cantonale. La deduzione si applicherebbe a ogni figlio curato da terzi, se minore di 14 anni, e unicamente in caso di effettiva necessità professionale, formativa o di “incapacità d’esercitare attività lucrativa” da parte del contribuente.

“Più genitori al lavoro e meno nero”
Secondo la parlamentare pipidina, “grazie all’aumento della deduzione, più genitori continueranno ad esercitare una attività lucrativa, e oltretutto contribuiremmo a ridurre il lavoro nero (perché ci sarebbe un incoraggiamento a dichiarare le baby-sitter che si occupano a domicilio dei bambini di genitori che lavorano)”.

  • 1