“Danno minimo alla Fondazione Tamagni”
Lo ribadisce Maurizio Tamagni, presidente della fondazione e fratello del sacerdote arrestato. “Siamo sorpresi e imbarazzati da questa triste vicenda di debolezza umana”
di Lars
“Danno minimo alla Fondazione Tamagni”
Immagine Shutterstock

“Il danno causato alla fondazione Tamagni è minimo e non ne preclude l’attività”. A ribadirlo in una nota Maurizio Tamagni, presidente della fondazione, nonché fratello di Don Samuele Tamagni, il sacerdote costituitosi venerdì 19 novembre e in seguito arrestato per una serie di presunti reati finanziari ai danni di alcuni suoi congiunti, della sua parrocchia e appunto della fondazione in questione.

Il consiglio di fondazione si riunirà settimana prossima e prenderà una posizione ufficiale, fa sapere ancora Maurizio Tamagni, che attualmente si trova all’estero. “Per il resto siamo sorpresi come tutti e imbarazzati da questa triste vicenda di debolezza umana e al momento non abbiamo niente da aggiungere”, conclude la nota.

  • 1