Operazione al confine: arresti e quarantene
Dieci persone sono state informate sull’obbligo di quarantena, una persona arrestata e una fermata
Redazione
Operazione al confine: arresti e quarantene
Foto Polizia cantonale
Operazione al confine: arresti e quarantene
Foto Polizia cantonale
Operazione al confine: arresti e quarantene
Foto Polizia cantonale
Operazione al confine: arresti e quarantene
Foto Polizia cantonale

Mattinata speciale in dogana. La Polizia cantonale oggi, infatti, ha svolto un’operazione di controllo in collaborazione con Guardie di confine e Polizia di frontiera italiana. Risultato: un arresto, un fermo, una multa incassata e dieci persone di rientro da paesi a rischio a cui è stata ingiunta la quarantena. All’operazione, durante la quale sono stati controllati 104 veicoli e 184 persone, hanno partecipato anche degli ispettori dell’Ufficio dell’Ispettorato del Lavoro (UIL), della Commissione Paritetica Cantonale (CPC), dell’Associazione Interprofessionale di Controllo (AIC).

Quarantene

Come detto, a dieci persone, non residenti in Ticino e che rientravano da paesi a rischio, sono state ricordati l’obbligo di notifica per la quarantena obbligatoria e le possibili conseguenze di un mancato annuncio. I loro dati saranno inviati alle competenti autorità cantonali.

Un arresto e un fermo

I controlli hanno anche permesso di arrestare un cittadino marocchino colpito da 3 ricerche di arresto e 2 ricerche di luogo di soggiorno per furti e violazione di domicilio emanate da altri cantoni, di fermare un cittadino georgiano per infrazione alla Legge federale sugli stranieri e un cittadino italiano colpito da una ricerca d’arresto per multa commutata, che è stata incassata. A tre cittadini pachistani sprovvisti dei necessari documenti è stato invece impedito il transito in Svizzera.

Loading the player...
  • 1