Covid, il Vanilla annuncia lo stop
Le imminenti restrizioni, la situazione internazionale e il senso di responsabilità della gestione del locale hanno portato alla decisione di sospendere il programma della discoteca. “Una scelta dolorosa, ma dobbiamo fare la nostra parte”
di MMINO
Covid, il Vanilla annuncia lo stop

A causa della situazione epidemiologica e dopo soli 4 eventi dalla ripartenza del 9 ottobre, il Vanilla Club si vede “purtroppo costretto a interrompere la sua attività e a spostare a nuova data gli eventi e gli spettacoli già in calendario”, si legge in una nota. Le restrizioni annunciate, che vedono l’obbligo di utilizzo della mascherina negli spazi chiusi e quello di consumare bevande esclusivamente da seduti, rendono impossibile il normale svolgimento dell’attività di un Club come il Vanilla. Inoltre, spiegano, “per la consumazione di bevande, dal punto di vista logistico non è possibile mettere a disposizione sufficienti posti a sedere in un locale di queste dimensioni e purtroppo non è neppure realistico riuscire a imporre l’uso della mascherina in una pista da ballo così grande e capiente”. “Una scelta dolorosa ma necessaria”, spiega la direzione del Club.

Partenza ottimale, ma è già ora di chiudere
Nel mese di settembre, gli strumenti messi a disposizione come il Covid Pass e la possibilità di accedere con un tampone negativo, oltre alla positiva sensazione di ripartenza del settore eventi e sport con pubblico in presenza, “hanno dato la fiducia al Management del locale per programmare un calendario autunnale/invernale di grande rilievo, portando in Ticino artisti di calibro Internazionale”. Un dato che dimostra il grande interesse suscitato da questa prima parte di attività è il fatto che oltre il 50% dei clienti è arrivato da oltre i confini cantonali e nazionali. Il Vanilla oggi però non è in grado di garantire lo spostamento degli artisti da nazione a nazione a causa degli obblighi di quarantena introdotti per l’arrivo da diversi stati.

Nuove date
La serata di sabato 4 dicembre, che prevedeva come ospiti DJ Antoine e il gruppo degli Eiffel 65, viene rinviata a sabato 19 marzo 2022. I biglietti acquistati sono automaticamente validi per la nuova data. Anche per le serate del 7, 11 e 18 dicembre a breve verrà comunicata la data di rinvio.

“Una scelta dolorosa”
Una scelta dolorosa, quindi, anche se ormai purtroppo necessaria. “Sappiamo che saremmo stati in grado di offrire ai nostri clienti lo stesso altissimo standard di sicurezza di sempre”, spiegano. Ma in questo momento di grande incertezza e difficoltà, “dobbiamo - e vogliamo - fare anche noi la nostra parte, accettando le nuove disposizioni e annunciando il rinvio dei prossimi eventi, in attesa di un momento più sereno”, concludono nella nota.

  • 1