Ciao Vienna, è stato breve ma bello
I dubbi di Ticinonews si sono rivelati fondati: dopo soli 4 mesi Minoan Air lascia. Ascolta il direttore di Lugano Airport
Redazione

La notizia era nell'aria. A metà luglio diversi portali di aeronautica avevano parlato di un addio all'aeroporto di Lugano-Agno della compagnia greca Minoan Air, insediatasi nello scalo lo scorso 29 marzo, con rotte verso Roma e Vienna. Ticinonews, il 18 luglio scorso, aveva riportato i dubbi sull'effettiva permanenza a Agno della compagnia, con un articolo dal titolo "Lugano: Minoan Air se ne va?", nel quale dava voce sia alla versione dei siti di aeronautica, sia alla pronta e veemente smentita del direttore dell'aeroporto Alessandro Sozzi. "Dopo la pausa estiva i voli riprenderanno regolarmente" aveva detto.I nostri dubbi erano alimentati dal fatto che la stessa Minoan Air avesse, nel luglio scorso, soppresso in brevissimo tempo i voli inaugurati da meno di due mesi a Oxford, facendo imbufalire non poco la direzione dell'aeroporto inglese. Come segno di ripicca, gli inglesi avevano bloccato a terra con due camion un aereo della Minoan Air che si apprestava a decollare. "Non erano questi i patti" si diceva a Oxford. Sozzi comunque non aveva gradito l'associazione tra Oxford e Lugano e nemmeno che qualcuno potesse evocare una possibile ripetizione dell'operazione inglese in Ticino. Per cui, malgrado il nostro articolo lasciasse spazio a varie interpretazioni, il direttore ne aveva chiesto l'immediata cancellazione dalla rete. Detto fatto. L'articolo l'abbiamo cancellato, riservandoci il diritto di ritirarlo fuori in settembre, quando in teoria Minoan Air avrebbe dovuto riprendere i voli interrotti durante il mese di agosto. Ma non abbiamo nemmeno dovuto attendere settembre. Minoan Air, che in questo mese non sta volando da Agno, ha confermato al 20 Minuti che il volo per Vienna non verrà ripreso. "Abbiamo soppresso il volo tra Lugano e Vienna" affermano da Heraklion. Dovrebbero invece ricominciare in settembre i voli per Roma. Tutto resta comunque ancora vago, di certezze non ve ne sono. Lo conferma lo stesso direttore Sozzi, che sul 20 Minuti non conferma neppure l'abbandono della rotta Lugano-Vienna. Ma la Minoan Air lo fa. La riprova la si ha dal suo sito internet, dove i voli per Vienna, che fino a ieri erano acquistabili, si sono improvvisamente volatilizzati. Non è però dato sapere cosa avverrà coi passeggeri che hanno già acquistato i biglietti. A Oxford, con una situazione analoga, i problemi sono stati non pochi, e tuttora irrisolti. A causa di "tempi di notifica bancaria", i rimborsi non sono ancora arrivati a destinazione, a oltre un mese e mezzo dall'annullamento dei voli. Molti passeggeri stanno esprimendo la loro frustrazione sui media locali, ma Sozzi garantisce che la compagnia è solvibile. "Capisco che il brand greco possa suscitare qualche perplessità, ma non è il caso della Minoan Air." I passeggeri luganesi sperano vivamente di potersi fidare di lui. [email protected]