Ticino
Chiamate shock, un arresto in Vallemaggia
©Chiara Zocchetti
©Chiara Zocchetti
Redazione
6 mesi fa
In manette un 34enne ceco, sospettato di aver preso parte a una truffa del falso nipote. L'arresto a Maggia grazie alla segnalazione di un cittadino.

Un 34enne cittadino ceco, residente in Repubblica Ceca, è stato arrestato lo scorso 13 settembre perché sospettato di aver preso parte a una truffa del falso nipote in Vallemaggia. L'arresto, avvenuto in territorio di Maggia, è stato possibile grazie alla pronta segnalazione di un cittadino e all'attività investigativa delle autorità, riferiscono il Ministero pubblico e la Polizia cantonale in un comunicato odierno. 

Il modus operandi

Il modus operandi ricalca quello evidenziato a più riprese in passato nelle sue numerose varianti. "Negli ultimi casi segnalati, gli autori (spacciandosi per una persona attiva in campo medico o per un agente di polizia) chiedono con insistenza un'importante somma di denaro necessaria a coprire le cure di un congiunto stretto affetto da una grave malattia o incorso in un incidente della circolazione. Facendo leva sullo scarso tempo a disposizione (poche ore vista la paventata serietà della situazione), mettono pressione sulla vittima e la spronano a immediatamente consegnare il denaro a disposizione o gli averi custoditi in casa".

Le accuse

L'ipotesi di reato a carico del 34enne è di tentata truffa aggravata. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Zaccaria Akbas.

Numerosi tentativi di truffa

Sul territorio cantonale, avvertono infine le autorità, permangono numerosi tentativi di questo genere di raggiro. Ulteriori informazioni e consigli sono disponibili consultando il seguente indirizzo: https://www4.ti.ch/di/pol-new/comunicazioni/comunicati-stampa-1/dettaglio?user_polizia_pi1[newsId]=191572