Baby help per i genitori in difficoltà
In situazioni di malattia del figlio la mamma o il papà spesso non riescono ad assentarsi dal lavoro e per questo Croce Rossa ha ideato questo servizio
di Lars
Baby help per i genitori in difficoltà

Tosse, febbre e raffreddore. Sono sintomi che non richiedono cure specialistiche ma che costringono un bambino a letto. Una situazione spiacevole, soprattutto se i genitori non possono assentarsi dal lavoro per accudire il figlio. In tal senso la Croce Rossa offre un servizio a domicilio specifico: “Mamy-Baby help”. “Lavorando abbiamo visto che la richiesta arrivava soprattutto quando la mamma aveva un imprevisto e non aveva nessuno su cui contare”, spiega Maria Murta Sassi, responsabile del servizio.

Il servizio offre tariffe in base al reddito: si va dai 6 franchi all’ora a un massimo di 25. Un tariffario sociale che non permette di coprire tutti i costi: una sfida per la Corce Rossa, che per il mese di dicembre ha lanciato una campagna solidale per raccogliere donazioni che permettano di mantenere il servizio. Sono 15 le collaboratrici professionali che si spostano in tutto il Cantone, lavorando fino a 600 ore al mese. In questo periodo il servizio è particolarmente sollecitato, anche se non è previsto in caso di Covid o quarantene per evitare i contagi.

“Quest’anno, da fine settembre, i bambini si ammalano moltissimo e stiamo lavorando veramente tantissimo”, aggiunge Maria Murta Sassi. L’iniziativa è stata lanciata in collaborazione con le farmacie Spazio salute, dove le persone possono fare donazione alla cassa.

Loading the player...
  • 1