AlpTransit, una targa in onore degli operai deceduti
Si è tenuta oggi una cerimonia commemorativa per i 9 operai morti durante i lavori di costruzione della galleria
Redazione
AlpTransit, una targa in onore degli operai deceduti
AlpTransit, una targa in onore degli operai deceduti
AlpTransit, una targa in onore degli operai deceduti
AlpTransit, una targa in onore degli operai deceduti
AlpTransit, una targa in onore degli operai deceduti
AlpTransit, una targa in onore degli operai deceduti

Sono stati ricordati questo pomeriggio a Erstfeld i nove operai deceduti durante i lavori di costruzione della galleria di base del San Gottardo. La funzione commemorativa è stata celebrata in modo sobrio da Martin Kopp, vicario generale per la Svizzera centrale, e Reinhard Eisner, pastore della chiesa evangelica riformata di Uri. Una cinquantina le persone presenti, tra parenti, responsabili di imprese edili e studi d’ingegneria, nonché del committente AlpTransit San Gottardo SA. 

Renzo Simoni, presidente della Direzione di AlpTransit San Gottardo SA, ha reso gli onori funebri ai deceduti. Dopo aver letto i nomi degli operai deceduti, è stata svelata una targa commemorativa di bronzo, recante i rispettivi nomi, che è stata posta al portale nord della galleria di base. Per l'occasione il traffico è stato bloccato per breve tempo. 

Nove persone, come detto, hanno perso la vita tra il 2002 e il 2012 durante i lavori di costruzione della galleria di base del San Gottardo. Quattro provenivano dalla Germania, tre dall’Italia, uno dal Sudafrica e uno dall’Austria. Gli incidenti mortali sono avvenuti nei cantieri NFTA di Amsteg (1), Sedrun (2), Faido (3) e Bodio (3).