A cucinare ci pensano i sindaci
L’iniziativa dell’Osteria Sulmoni prende il via questo weekend. Fino al 27 marzo un sindaco cucinerà un menù scelto personalmente. “Iniziativa nata dalla fantasia, per trovare un sistema per sopravvivere”
di MMINO
A cucinare ci pensano i sindaci
Foto Shutterstock

La pandemia sicuramente ci ha costretti alla creatività. Così, infatti è successo all’Osteria Sulmoni a Castel San Pietro che lanciato l’iniziativa “In osteria cucina il sindaco”. L’idea, ci ha spiegato Alain Genitzon, era già nata tempo fa. Pensata, chiaramente, in presenza l’Osteria si è dovuta adattare al servizio d’asporto, mai fatto in precedenza. “L’iniziativa è nata dalla fantasia, un po’ per fare qualcosa di diverso e curioso e un po’ per trovare un sistema per pagare le spese”, racconta Genitzon, uno dei proprietari dell’osteria.

“Non vogliamo creare malumori”
“Doveva essere tutto in loco, così da poter vedere all’opera i sindaci cuochi, ma almeno fino a fine febbraio sarà disponibile il servizio d’asporto”, prosegue. “Inizieremo sabato 23 gennaio e continueremo ogni sabato fino a fine marzo. Inizialmente volevamo fare un appuntamento al mese ma in vista delle comunali, per non creare malumori, abbiamo deciso di adattare l’iniziativa una volta a settimana”, confessa Genitzon.

I menù
Come detto, quindi, “In Osteria cucina il Sindaco” prenderà il via sabato 23 gennaio. Sarà il turno di Alessia Ponti, sindaca di Castel San Pietro, che cucinerà Roast-beef alle erbe ticinesi, con verdure miste e patate al forno. Sabato 30 gennaio, poi è il turno del sindaco di Coldrerio Alain Bianchi che si diletterà a cucinare crespelle con ripieno di spinaci e prosciutto, uccelli scappati con purea di patate. Il 6 febbraio, Claudia Canova sindaca di Morbio Inferiore preparerà un’insalata di finocchi e arance con acciughe del Cantabrico e degli gnocchi al salmone e pesto. L’ultimo sabato del mese, poi, Bruno Arrigoni di Chiasso cucinerà i pizzoccheri. Samuele Cavadini, il primo sabato di marzo, preparerà un menù che ha il sapore di carnevale: luganighetta e cipolle con risotto. Il 13 marzo, il sindaco di Novazzano Sergio Novazzano preparerà lo spezzatino di cervo con polenta, mentre il sabato successivo sarà il turno del sindaco di Barlena con coniglio in umido e risotto. L’iniziativa terminerà poi sabato 27 marzo con Marco Rizza, sindaco di Vacallo, il quale cucinerà capretto al forno con patate e verdure.

“Menù scelti dai sindaci”
“I menù sono stati scelti dai sindaci”, spiega Genitzon. “Non dubitiamo delle loro abilità in cucina ma chiaramente verranno affiancati dal nostro cuoco”, conclude divertito il nostro interlocutore.

La prenotazione è obbligatoria ai numeri 091.630.10.71 e 079.467.48.69 oppure via mail all’indirizzo [email protected]

  • 1