Tassi ipotecari ai massimi da un anno nel primo trimestre
All’inizio dell’anno i tassi indicativi per le ipoteche a dieci anni erano appena superiori all’1%, per poi attestarsi all’1,20% alla fine del primo trimestre
di Keystone-ATS
Tassi ipotecari ai massimi da un anno nel primo trimestre
Foto Shutterstock

I timori di un’inflazione fanno salire i tassi ipotecari: nel primo trimestre i tassi indicativi per le ipoteche decennali hanno raggiunto i massimi da un anno, secondo l’ultimo Barometro Ipoteche di Comparis pubblicato oggi.

All’inizio dell’anno i tassi indicativi per le ipoteche a dieci anni erano appena superiori all’1%, per poi attestarsi all’1,20% alla fine del primo trimestre. Al suo picco, il tasso indicativo è salito all’1,21%. Livelli così alti non si vedevano da un anno, scrive Comparis: nel primo trimestre dello scorso anno, infatti, spinti dallo shock del coronavirus i tassi ipotecari erano saliti al massimo all’1,19%.

Meno forte è stato l’aumento dei tassi indicativi per le ipoteche a cinque e a due anni, che rispettivamente con lo 0,92 e lo 0,86% sono ancora inferiori ai livelli del primo trimestre 2020. “Molti credono che la pandemia finirà a breve. Questo scenario alimenta le prospettive di un boom economico globale”, spiega Fredéric Papp, esperto in finanze presso Comparis in un comunicato. Il rovescio della medaglia è che inizia a farsi sentire la paura dell’inflazione e aumentano gli interessi sul mercato dei capitali. “Se salgono i tassi sul mercato dei capitali aumentano anche i costi di rifinanziamento delle ipoteche”, aggiunge Papp.

  • 1