Tanti vaccini ma poche vaccinazioni
Negli ultimi giorni sono arrivati in Svizzera vaccini per oltre 400’000 persone
di Keystone-ATS
Tanti vaccini ma poche vaccinazioni
Foto CdT/ Chiara Zocchetti

Negli ultimi giorni in Svizzera sono arrivati vaccini anti-coronavirus per oltre 400’000 persone. Durante le feste pasquali sono state però effettuate solo poche iniezioni, secondo quanto scrive la ”NZZ am Sonntag”.

Per arrivare agli alti livelli di copertura sperati dalla Confederazione per questa estate è necessario procedere alle vaccinazioni con ritmi spediti. In molti Cantoni, però, durante le feste pasquali gli appositi centri sono rimasti chiusi, aperti solo in piccola misura oppure il compito è stato delegato ai medici di famiglia, che in molti casi risultano in ferie.

A Zurigo, ad esempio, il primo aprile sono arrivate circa 60’000 dosi del vaccino Moderna. Le fiale sono state poi girate ai medici di famiglia, destinate in particolare alle persone che già hanno problemi di salute, ha spiegato al domenicale Lina Lanz, portavoce dell’autorità sanitaria cantonale. I grandi centri di vaccinazione entreranno in funzione solo domani.

Anche a San Gallo i grandi centri apriranno dopo Pasqua, mentre Berna e Argovia durante le feste hanno tenuto aperto due dei nove siti di vaccinazione. Chiusura totale invece a Basilea Città. Alcuni motivano la cosa con puri motivi organizzativi, altri, come il Canton Uri, con la mancanza di vaccini sufficienti per coprire tutte le giornate.

  • 1