Svizzera
Sergio Mattarella da lunedì in visita in Svizzera
© Shutterstock
© Shutterstock
2 mesi fa
Il presidente della Repubblica italiana sarà accolto a Berna con gli onori militari. Incontrerà quattro consiglieri federali.

Il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella sarà in Svizzera da lunedì pomeriggio fino a mercoledì 30 novembre. Martedì sarà accolto a Berna dal Consiglio federale con gli onori militari. Sono in seguito previsti colloqui ufficiali al Bernerhof con il presidente della Confederazione Ignazio Cassis e con i suoi colleghi di governo Simonetta Sommaruga, Viola Amherd e Guy Parmelin.

I temi sul tavolo

All'ordine del giorno ci sono le relazioni bilaterali, la situazione della sicurezza legata alla guerra in Ucraina, la politica europea e il lavoro del Consiglio di sicurezza dell'ONU. Il filo conduttore sarà soprattutto quello di consolidare i già proficui rapporti bilaterali e quelli con l'Unione europea.

Visita al Politecnico di Zurigo

Il giorno successivo, la visita si concentrerà sull'innovazione e l'imprenditorialità. Cassis e il suo ospite si recheranno in treno a Zurigo, dove visiteranno il Politecnico federale. Lì potranno assistere all'illustrazione di una serie di progetti su 'Tecnologia e innovazione', 'cultura, trasporto e stoccaggio della CO2', 'biomarcatori per la diagnosi del Parkinson', 'test Pcr veloci, affidabili e a prezzi accessibili'. Oltre ad una dimostrazione di bioingegneria per protesi neurologiche.

Gli italiani in Svizzera

Sono circa 320'000 gli italiani che vivono in Svizzera, ciò che ne fa la più grande comunità di stranieri, sottolinea infine il DFAE, ricordando che oltre a ciò sono quasi 90'000 i frontalieri che si recano ogni giorno in Svizzera. La Penisola è inoltre il terzo partner commerciale della Confederazione, con un volume totale di transazioni di oltre 34 miliardi di franchi nel 2021. Il 40% circa degli scambi si concentra nelle regioni di confine.

La seconda volta di Mattarella in Svizzera

Mattarella era già stato in Svizzera nel giugno del 2019, quando era intervenuto a Ginevra alle iniziative organizzate per il centenario dell'Organizzazione internazionale del lavoro (Oil), uno dei tanti organismi multilaterali che trovano la loro sede nella Confederazione.