Rettore Uni Zurigo contro il Pass obbligatorio
Michael Schaepman ritiene che in gioco ci sia l’accesso alla formazione e critica l’assenza di un esplicito obiettivo di copertura vaccinale
di Keystone-ATS
Rettore Uni Zurigo contro il Pass obbligatorio
Immagine Shutterstock

Il rettore dell’Università di Zurigo Michael Schaepman è critico nei confronti dell’obbligo del certificato Covid negli atenei, perché a suo avviso è in gioco l’accesso alla formazione, e mostra perplessità anche riguardo alla pressione operata dall’autorità verso la vaccinazione in mancanza di un chiaro obiettivo vaccinale.

La decisione di introdurre l’imposizione del pass all’università poco prima dell’inizio del semestre è stata “estremamente difficile”, afferma Schaepman in un’intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. “Avremmo preferito un’altra variante”, aggiunge. “Per molto tempo abbiamo supposto che la Confederazione avrebbe permesso l’insegnamento in presenza senza un certificato, ma con la mascherina. Purtroppo le cose sono andate diversamente”.

Università non coinvolte nelle discussioni
“Dal mio punto di vista, la decisione è stata presa senza un processo di consultazione molto dettagliato e senza il nostro coinvolgimento come università direttamente interessata e più grande della Svizzera: da qui la sorpresa”, prosegue il rettore. “Abbiamo dovuto reagire molto rapidamente”.

Ateneo “costretto”
L’ateneo si è visto costretto ad introdurre il certificato. “Per noi, non c’erano alternative alla decisione. Riempire le aule solo per due terzi, come sarebbe consentito, è completamente irrealistico per l’università di Zurigo. Abbiamo aule che sono regolarmente piene al 105%. Anche il puro insegnamento online non è una strada praticabile per gli studenti a medio termine. Gli ultimi tre semestri lo hanno dimostrato. Quindi l’unica cosa che rimaneva era il requisito del certificato”.

“Comprensione per chi manifesta”
Schaepman non nasconde che si è trattato di una decisione problematica. “L’obbligo del certificato in un ristorante o in un cinema è una cosa, si tratta di attività di svago, ma un’università deve garantire che l’istruzione sia accessibile a tutti. Il diritto all’istruzione deve avere la massima priorità e non deve essere compromesso”. Il rettore afferma di conseguenza di avere comprensione per gli studenti che hanno organizzato una dimostrazione. Secondo il 55enne la Confederazione dovrebbe assumersi i costi dei test Covid fino a quando vige un obbligo di certificato negli atenei.

L’obiettivo di copertura vaccinale deve essere chiaro
Il geografo con studi a Zurigo e negli Stati Uniti critica anche su un altro fronte l’operato del governo federale. “Credo che la Svizzera abbia bisogno di un obiettivo di vaccinazione chiaro. Durante una crisi lavorare verso un obiettivo è molto più facile che regolare il presente e imporre misure a breve termine basate sulle cifre attuali del contagio”. La Danimarca ha revocato tutte le misure con un tasso di vaccinazione dell’80%, argomenta l’intervistato. “In Svizzera manca un tale obiettivo di vaccinazione. Questo è un problema”.

“Scetticismo se si crede che ci sia qualcosa sotto”
“Le persone diventano scettiche se hanno la sensazione che qualcosa venga nascosto”, prosegue Schaepman. “Con l’attuale obbligo di ottenere un certificato e la cessazione dell’assunzione dei costi per i test gratuiti c’è una maggiore pressione a farsi vaccinare. Penso che questo sia problematico. Le autorità dovrebbero comunicare più apertamente un obiettivo raggiungibile”.

Contro alle verifiche sistematiche del certificato
Il rettore considera inoltre esagerati i controlli a tappeto nelle università. “Abbiamo un tasso molto alto di studenti che sono molto ragionevoli e riflessivi. La maggior parte sono vaccinati, in definitiva stiamo parlando di una quantità irrisoria di possibili violazioni”, afferma. “Faccio sempre un semplice paragone: il conducente del tram ha il diritto di controllare i biglietti nel tram, ma il suo lavoro è quello di guidare il tram. I nostri docenti hanno il diritto di controllare gli studenti: ma prima di tutto devono fare la lezione e impartire la materia. È per questo che sono impiegati, non per controllare i certificati. Fra l’altro questo vale anche per i nostri dottorandi e per i docenti di medio livello”, conclude.

  • 1