“Negozieremo con Parigi la tassazione dei frontalieri”
Lo ha affermato Ueli Maurer in risposta a una mozione in Consiglio nazionale che chiedeva di aumentare l’aliquota dei ristorni che la Francia versa ai cantoni
di Keystone-ATS/MJ
“Negozieremo con Parigi la tassazione dei frontalieri”

Berna e Parigi terranno a breve discussioni in vista di una possibile rinegoziazione dell’accorso sulla tassazione dei lavoratori frontalieri. Lo ha annunciato oggi il consigliere federale Ueli Maurer rispondendo a una mozione di Jacques Nicolet (UDC/VD) che chiedeva un aumento dell’aliquota dei ristorni che la Francia riversa ai cantoni.

Il Vodese ha criticato l’intesa risalente al 1983 e che prevede una aliquota del 4,5%. “Il Governo francese si è più volte tristemente distinto per non aver rispettato l’accordo sull’imposizione dei lavoratori frontalieri, segnatamente il termine di pagamento per il ristorno delle imposte”, ha sostenuto Nicolet.

“L’argomento ci occupa da tanto tempo”, ha ammesso il consigliere federale. Per quel che concerne i ritardi dei pagamenti, questi sono stati effettuati entro i termini nel 2019 e nel 2020, ha ricordato Maurer.

Per quanto riguarda una possibile revisione dell’accordo, la Francia si è detta disponibile a colloqui nelle prossime settimane. “Il risultato è ancora aperto al momento, ma siamo convinti di ottenere un miglioramento”. Sono stati cercati dei colloqui. La mozione Nicolet non è quindi necessaria, ha sostenuto il ministro delle finanze convincendo il plenum che l’ha respinta per 102 voti a 80.

  • 1