Svizzera
"Migros ponga fine alla sua collaborazione con Socar"
©Gabriele Putzu
©Gabriele Putzu
13 giorni fa
Ad avanzare la richiesta una dozzina di Ong e rappresentanti politici di sinistra e dell'Alleanza del Centro, secondo cui la cooperazione con il gruppo petrolifero, controllato dal regime di Azerbaijan, è in contraddizione con la strategia del gruppo.

Una dozzina di ONG e di personalità politiche di sinistra e dell'Alleanza del Centro hanno chiesto a Migros, in una lettera aperta, di porre fine alla sua collaborazione con il gruppo petrolifero Socar che è interamente sotto il controllo del regime di Azerbaijan.

La collaborazione in contrasto con i valori del gruppo svizzero

«La cooperazione con Socar è in contraddizione con la strategia del gruppo Migros, in particolare con il suo impegno sociale e i suoi valori», hanno dichiarato i firmatari in un comunicato diffuso oggi. Socar è al 100% un'azienda dello stato azero che genera il 77% del suo fatturato in Svizzera, sottolinea ancora la nota. Diverse decine di distributori di benzina Migrolino sono gestite dal gruppo azero, viene sottolineato. «Le sue attività in Svizzera promuovono e finanziano uno dei regimi più repressivi e corrotti del mondo», viene aggiunto. «Dovrebbe essere ovvio che per Migros i diritti umani sono più importanti del profitto», dichiara la consigliera agli Stati Lisa Mazzone (Verdi/GE), citata nel comunicato. La petizione è sostenuta in particolare dal Partito socialista, dai Verdi, da Attac Svizzera e dall'Associazione Svizzera-Armenia.