“Mangiano in treno per evitare la mascherina”
Alcuni passeggeri impiegano anche un’ora per mangiare un panino. Blätter: “Lo fanno in modo provocatorio per evitare l’obbligo della protezione”
di Keystone-ATS/MMINO
“Mangiano in treno per evitare la mascherina”

Un’ora per mangiare un sandwich in treno: c’è chi ci mette tanto, per evitare in tal modo di indossare la mascherina. Un atteggiamento visto spesso in malo modo dagli altri viaggiatori e dal personale: non pochi pendolari temono per la loro salute, riferisce il portale Watson. Nel trasporto pubblico si applica un rigoroso obbligo della mascherina, ricordano i cronisti del sito informativo in un contributo odierno. Solo coloro che mangiano o bevono sui treni possono togliersi la protezione, ma unicamente per un breve periodo di tempo.

“È provocatorio”
In realtà però chi viaggia spesso sui treni delle FFS vede passeggeri mangiare i propri snack al rallentatore. “Purtroppo ci sono persone che mangiano in modo provocatorio durante tutto il viaggio per evitare l’obbligo della mascherina”, afferma Karin Blättler, presidente del gruppo d’interesse del trasporto pubblico Pro Bahn, in dichiarazioni riportate da Watson. A suo avviso questo non è però un problema del trasporto pubblico, ma di società. Il tema è assai dibattuto anche sul web. “Come pendolare non mi sento al sicuro, poiché da quando le mascherine sono diventate obbligatorie un numero considerevolmente maggiore di persone mangia e beve sui treni affollati”, scrive un utente sul forum delle Ferrovie federali.

“Vietare di mangiare e bere”
Per i dipendenti delle FFS non è facile rivolgersi alle persone in questione. “Questi trucchi usati da alcuni passeggeri sono molto noiosi per il personale dei treni”, spiega a Watson Jürg Hurni, del sindacato del personale dei trasporti SEV. I comportamenti in questione provocano spesso discussioni e sfociano a volte in insulti, che possono essere opprimenti per i lavoratori sui convogli. Un altro utente del sito FFS auspica un divieto temporaneo di mangiare e bere nei vagoni. “Come sapete, da anni vige la proibizione di fumare sui treni: perché non è possibile vietare il consumo di alimenti durante il periodo del coronavirus, tranne che nel vagone ristorante?”.

“Seguite le regole, avremo meno problemi”
Secondo Blättler questa non sarebbe però la soluzione, perché a sua volta infastidirebbe i passeggeri che seguono le regole e si rifocillano rapidamente. La presidente di Pro Bahn invita al contrario tutti a seguire le regole dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e a indossare le mascherine. “Così avremo meno problemi”. Intanto il Consiglio intende adottare misure più severe contro chi sgarra. Mercoledì il governo ha deciso di proporre al parlamento di inserire la violazione del porto della mascherina fra le contravvenzioni: si parla di una multa di 300 franchi. Questo però non cambia la quotidianità dei pendolari: la polizia dei trasporti delle FFS continua a non emettere multe, indica un portavoce di FFS.

“A est del Paese c’è più resistenza”
L’addetto stampa sottolinea inoltre che l’accettazione dell’uso obbligatorio dei dispositivi sul volto nei trasporti pubblici è complessivamente molto elevata. “I passeggeri e i dipendenti del trasporto pubblico si conformano in gran parte alle misure di protezione”, afferma. Tuttavia questo a quanto sembra non avviene nella stessa misura in tutto il paese. “Più si va a est, maggiore è la resistenza contro le mascherine obbligatorie”, sostiene il sindacalista dei trasporti pubblici Hurni, che quasi quotidianamente si confronta con i dipendenti delle ferrovie. Invece in Romandia, regione del paese particolarmente colpita dal Covid-19, l’accettazione delle misure è molto elevata.

  • 1