Svizzera
Lumino-San Vittore, al via i lavori di rinaturazione sopra l'A13
© Ustra
© Ustra
Redazione
12 giorni fa
L'obiettivo del progetto "è quello di compensare gli impatti negativi sull’ambiente provocati dai progetti 'Circonvallazione di Roveredo”' ed 'Castione-Roveredo', mediante la valorizzazione degli ambienti naturali presenti all’interno di questo comparto", spiega l'Ufficio federale delle strade.

Inizia in questi giorni la prima fase dei lavori di compenso ambientale prevista nell'ambito del progetto Ep 27 Castione-Roveredo. Lo comunica l'Ufficio federale delle strade (Ustra), spiegando che il primo intervento prevede la realizzazione di un passaggio faunistico sopra la A13 che collega le zone golenali d’importanza nazionale “Isola Sgravér” e “Ai Fornas”, situate sulle due sponde del fiume Moesa. In seguito, dal prossimo autunno verranno attuate diverse opere per la rivitalizzazione di queste zone golenali, mediante una serie di interventi di ingegneria naturalistica. L'obiettivo, si legge nella nota, è quello di compensare gli impatti negativi sull’ambiente provocati dai progetti Ep 18 “Circonvallazione di Roveredo” ed Ep 27 Castione-Roveredo, mediante la valorizzazione degli ambienti naturali presenti all’interno di questo comparto. La conclusione dei lavori è prevista nel corso della primavera 2026. Il costo complessivo dell’opera – interamente a carico della Confederazione – ammonta a circa 33 milioni di franchi.

I dettagli

La prima parte delle opere, che prende il via in questo giorni, prevede la costruzione di un ponte faunistico sopra la A13 all’altezza di San Vittore, che consentirà il superamento dell’autostrada, sia da parte della fauna selvatica di piccole dimensioni (tassi, volpi, faine, ecc.), sia da parte di animali di grossa taglia (cervi, caprioli cinghiali, ecc.). Questa struttura – a partire dall’estate del 2025 - collegherà le zone golenali d’importanza nazionale “Isola Sgravér” e “Ai Fornas” e avrà una superficie di circa 6'900 metri quadrati; consentirà – almeno in parte - di risolvere i conflitti e i relativi pericoli fra i movimenti della fauna ed il traffico stradale.

I lavori in zona golenale "Isola Sgravér"

Dal prossimo autunno verrà poi dato avvio al ripristino degli ambienti acquatici della zona golenale “Isola Sgravér”. A tale scopo è prevista la creazione di 20 stagni destinati alle diverse specie di anfibi presenti. Verranno inoltre costruite tre lanche e un nuovo corso d’acqua lungo circa 370 metri che attraverserà parte della golena. Sempre dal prossimo autunno si procederà con l’ampliamento della zona golenale “Ai Fornas” ed il ripristino della dinamica fluviale della Moesa, mediante un allargamento dell’alveo ed una strutturazione del fondo a favore di specie quali la trota fario e il temolo. Inoltre, nell’intero perimetro del progetto è in programma l’attuazione di interventi di bonifica per eliminare le principali specie di neofite problematiche. L'Ustra ricorda infine che in zona “Pascol Grand” sono già stati messi in atto diversi interventi di rinaturazione, che hanno permesso di ottenere ottimi risultati a favore della biodiversità di fauna e flora.