Limitare il numero di medici? La nuova regola fa discutere
Attualmente più di un terzo dei medici in Svizzera viene dall’estero. Le organizzazioni mediche professionali insorgono: «Restrizione insensate»
di Keystone-ATS
Limitare il numero di medici? La nuova regola fa discutere
Foto: Chiara Zocchetti/CdT

Il numero di medici che possono lavorare in un cantone dovrebbe in futuro essere determinato da un calcolo sul tasso di copertura a livello regionale. Le organizzazioni mediche professionali protestano e i cantoni chiedono di informarsi maggiormente sui costi delle misure. I cantoni devono poter intervenire in caso di sovrabbondanza di medici, afferma la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) nella sua risposta alla consultazione sulla modifica della legge federale sull’assicurazione malattia (LAMal). La revisione della legge non solo fornisce ai cantoni uno strumento per limitare l’ammissione dei medici, ma essi sono ora anche responsabili dell’ammissione formale di altri fornitori di servizi ambulatoriali all’assicurazione sanitaria obbligatoria e della sorveglianza. Nella sua presa di posizione tuttavia la CDS critica il fatto che il progetto non faccia alcun riferimento all’impatto finanziario dei cambiamenti. Il Consiglio federale avrebbe dovuto anche spiegare come verrebbero sostenuti i costi supplementari per i cantoni e quali risparmi sarebbero realizzati per gli assicuratori malattia.

Complessità

Secondo il progetto di ordinanza, il Dipartimento federale dell’interno (DFI) deve sviluppare un modello di regressione insieme ai cantoni per fissare il numero massimo di medici nel settore ambulatoriale. Il DFI determina in questo modo un coefficiente per ogni specialità medica. I cantoni possono tenere conto delle circostanze regionali (ad esempio nelle regioni turistiche) nel calcolo dei numeri massimi. Secondo la CDS, tuttavia, la complessità del modello rappresenta una grande sfida, soprattutto per i cantoni più piccoli. Resta da vedere se i cantoni possono usare il modello proposto per controllare i costi nel settore della medicina ambulatoriale.

La Federazione dei medici svizzeri (FMH) vuole urgentemente evitare il calcolo dei numeri massimi. Ritiene che debba essere l’Ufficio federale di statistica (UST) responsabile della metodologia, della base di dati e del calcolo del fabbisogno regionale. Anche la Conferenza delle società mediche (CMC) critica il modello della gestione delle autorizzazioni proposto nel suo insieme. Lo reputa inadeguato e «non sensatamente utilizzabile». L’ordinanza sui numeri massimi compromette un rinnovamento necessario e urgente del settore ambulatoriale. In numerosi posti vi è già una carenza di medici nell’assistenza primaria ambulatoriale sanitaria. La CMC parla di una sovrabbondanza «ipotetica», quando più di un terzo dei medici in Svizzera viene attualmente dall’estero.

Costi supplementari

I medici di famiglia e dell’infanzia svizzera (MFE) ritengono che la fornitura di cure di base da parte loro, ma anche di altre discipline, non sia garantita. L’introduzione di restrizioni di ammissione non ha quindi senso. In questo contesto, MFE chiede un sostegno appropriato per le discipline in cui c’è una penuria. Secondo le loro stesse dichiarazioni, i membri dell’Associazione svizzera dei medici assistenti e capiclinica (ASMAC) sono toccati dalle nuove regole di autorizzazione più di quasi ogni altro gruppo della professione medica. L’ASMAC esprime dubbi sul fatto che tutti i cantoni saranno in grado di soddisfare i nuovi requisiti. Per l’ASMAC lo sforzo burocratico supplementare richiesto in molti casi dalle amministrazioni cantonali rischia di causare costi aggiuntivi nel settore sanitario. Ma ci saranno anche ulteriori oneri per i datori di lavoro e i dipendenti nel settore sanitario a causa dei nuovi compiti amministrativi, scrive l’ASMAC. Anche le cliniche private svizzere non si esprimono a favore dell’attuale ordinanza. Le proposte enfatizzano i confini cantonali del sistema sanitario e portano a nuovi problemi di reclutamento del personale medico. Nel complesso, l’attuale pacchetto di ordinanza contribuirebbe a nuovi aumenti dei costi nel settore ambulatoriale.

Assicurazioni soddisfatte

Le assicurazioni malattia Curafutura e Santésuisse sono fondamentalmente a favore del numero massimo. Curafutura sottolinea che questi effettivi devono essere fissati in modo da ridurre l’eccesso di offerta regionale. Accoglie positivamente la parità di trattamento degli ambulatori ospedalieri e degli studi medici per quanto riguarda le restrizioni di ammissione. Anche Santésuisse sostiene in linea di principio la proposta relativa al numero massimo. I cantoni dovrebbero essere in grado di conoscere la situazione del loro territorio e dovrebbero limitare l’autorizzazione quando c’è effettivamente un eccesso di offerta per contenere l’aumento dei costi.

  • 1