La SRF perde il ricorso su Maudet
In un servizio della trasmissione Rundschau, secondo i giudici, vi sarebbero allusioni “problematiche” rispetto al consigliere di Stato ginevrino
di Keystone-ATS
La SRF perde il ricorso su Maudet
Foto CdT/Fiorenzo Maffi

Il Tribunale federale (TF) ha respinto il ricorso della radio-televisione della Svizzera tedesca (SRF) riguardo a una condanna per violazione del principio di obiettività in un servizio della trasmissione “Rundschau” sul noto viaggio di Pierre Maudet ad Abu Dhabi. Il servizio del 3 ottobre 2018 si intitolava “Fall Maudet: Die Spur des Goldes” (”Caso Maudet: il sentiero dell’oro”) e indagava sulla presunta accettazione di vantaggi del consigliere di Stato ginevrino in occasione del suo controverso viaggio ad Abu Dhabi nel 2015.

La SRF ha impugnato la decisione dell’Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva (AIRR), secondo cui il programma “ha violato il principio della corretta presentazione di fatti e avvenimenti”. Il TF ha però ora respinto tale ricorso, affermando che allusioni fatte contro Maudet prima e dopo la parte puramente informativa della trasmissione sono problematiche. Il pubblico, secondo l’Alta corte, finisce per l’avere una visione unilaterale sul ruolo del politico ginevrino nel commercio dell’oro.

Secondo Mon Repos, non viene controbilanciata l’impressione che Maudet abbia avuto un comportamento vicino alla corruzione. La decisione del diretto interessato di non esprimersi non dispensava la redazione dal cercare l’obiettività.

  • 1