Svizzera
La prima neve in montagna fa ben sperare il turismo invernale
© Shutterstock
© Shutterstock
Keystone-ats
8 mesi fa
Il livello attuale delle prenotazioni è positivo in vista della stagione natalizia. È quanto emerge da un sondaggio condotto da AWp tra le stazioni di montagna e le organizzazioni turistiche.

In Svizzera, la stagione sciistica è già iniziata in alcune località alpine. Mentre in pianura prevale il tempo piovoso, in montagna è infatti caduta la prima neve. Si tratta di una buona notizia per il turismo di montagna, dato che il primo momento clou della stagione sciistica è proprio dietro l'angolo, con il Natale. I primi dati sulle prenotazioni nelle stazioni sciistiche lasciano presagire una buona attività natalizia. È quanto emerge da un sondaggio condotto dall'agenzia finanziaria AWP tra le stazioni di montagna e le organizzazioni turistiche. "Ci aspettiamo vacanze natalizie positive", afferma un portavoce dell'associazione Grigioni Turismo. Il livello attuale delle prenotazioni per il periodo festivo è "buono". Anche in Vallese le prenotazioni per l'inverno e soprattutto per le vacanze natalizie sono "soddisfacenti".

Attività invernale resta cruciale

La posta in gioco per il turismo di montagna svizzero è alta. Anche se il cambiamento climatico sta facendo ripensare il settore e le destinazioni alpine si stanno concentrando sempre più sul turismo estivo e, in definitiva, su quello che dura tutto l'anno, l'attività invernale e la stagione delle feste di fine anno rimangono estremamente importanti. Lo dimostrano, ad esempio, i dati relativi ai Grigioni. Circa il 70% del valore aggiunto del turismo viene generato in inverno. Il fatturato più elevato viene realizzato durante le festività e nel mese di febbraio, mese delle vacanze sportive. Gli impianti di risalita dei Grigioni (Bündner Bergbahnen) generano addirittura il 92% delle entrate dal trasporto passeggeri in inverno. "Il miglior regalo di Natale sarebbe un lungo inverno con tanta neve e bel tempo", afferma un portavoce di Andermatt Swiss Alps, che gestisce il comprensorio sciistico di Andermatt-Sedrun (UR/GR). Secondo Grigioni Turismo, le temperature delle prossime settimane e, in ultima analisi, il clima del periodo festivo saranno determinanti per una buona stagione invernale.

Gli ospiti svizzeri sono decisivi

Tradizionalmente la stagione invernale dipende in larga misura dagli ospiti svizzeri. Nel Canton Vallese, essi rappresentano più della metà. Nella regione sciistica della Jungfrau, che in estate si basa molto sui mercati lontani, gli svizzeri rappresentano addirittura i due terzi di tutte le prenotazioni invernali. Tuttavia, dopo la pandemia, molti svizzeri hanno di nuovo voglia di viaggiare lontano, come segnalano gli esperti del turismo. D'altro canto, anche un numero maggiore di ospiti stranieri sta tornando a viaggiare ora che le restrizioni sul coronavirus sono state revocate. In Vallese, ad esempio, l'aumento delle prenotazioni da parte di ospiti europei e soprattutto in provenienza da Paesi lontani sta compensando completamente il calo dei turisti svizzeri. Tuttavia, in molte località, le prenotazioni vengono effettuate con un preavviso sempre più breve. E questo vale soprattutto per i turisti nazionali. È quindi probabile che molti svizzeri decidano come e dove trascorrere le vacanze natalizie in base alle condizioni meteorologiche, anche con poco preavviso.

Prezzi più alti non rallentano attività

Nel frattempo, l'aumento dei prezzi sembra avere conseguenze limitate sugli impianti di risalita. "L'inflazione ha certamente un impatto sul sentimento dei consumatori", afferma un portavoce del comprensorio Flims Laax Falera. Tuttavia, ciò è più evidente nei consumi locali e non nei pernottamenti turistici. Gli ospiti che soggiornano in Svizzera hanno generalmente un budget elevato e sono quindi meno colpiti dall'inflazione. "Finora non ci sono stati effetti evidenti", afferma un portavoce degli impianti di risalita del Titlis. Inoltre, l'inflazione in Svizzera è più contenuta rispetto alla zona euro. Secondo il portavoce dell'associazione turistica dei Grigioni, questo è un vantaggio per il turismo locale. Rispetto ad altri Paesi, e in particolare al suo principale concorrente, l'Austria, il turismo sciistico svizzero sta andando abbastanza bene nonostante il franco forte.

Tutto come finora

Finora, né l'inflazione, né il rafforzamento del franco, né il cambiamento climatico, né la voglia di viaggiare degli svizzeri dopo la pandemia sembrano aver avuto un impatto sul turismo invernale nazionale. Al momento, i livelli di prenotazione sono ancora una volta positivi in vista della stagione natalizia. In definitiva, però, il successo dipende molto dal tempo e dalla neve. O come dice un portavoce del gestore degli impianti di risalita della Jungfrau: "I fattori decisivi per un buon inverno sono il tempo e le piste ben preparate". Resta da vedere cosa significhi questo per il turismo svizzero di montagna a lungo termine.