Il libero scambio con il Sud America non inquinerà di più
Due studi della Confederazione sostengono che l’impatto ambientale di un accordo di libero scambio tra Aels e Mercosur sarà limitato
di Keystone-ATS
Il libero scambio con il Sud America non inquinerà di più
Foto Shutterstock

L’impatto dell’accordo di libero scambio con il Mercosur dovrebbe essere alquanto limitato sia sull’ambiente che sull’agricoltura in Svizzera. È la conclusione di due studi della Segreteria di Stato dell’economia (SECO) e di Agroscope publicati oggi in risposta alle critiche e ai timori degli ambienti ecologisti e agricoli. Alla fine di agosto del 2019, gli Stati dell’AELS (Svizzera, Norvegia, Liechtenstein e Islanda) e quelli del Mercosur (Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay; un mercato di 260 milioni di abitanti) hanno concluso nella sostanza un accordo di libero scambio, negoziato durante dieci anni. La Confederazione punta all’entrata in vigore entro il 2021, ma i Verdi hanno già annunciato che lanceranno un referendum in caso di ratifica. E la comunità agricola ha dato loro il suo sostegno.

Il primo studio analizza le ripercussioni ambientali che potrebbero derivare nel 2040 da una modifica dei flussi commerciali bilaterali tra Svizzera e Stati del Mercosur. Le esportazioni svizzere verso il Mercosur aumenterebbero del 55%, quelle del Mercosur verso la Confederazione salirebbero invece del 5%. A livello macroeconomico, il prodotto interno lordo (PIL) della Svizzera crescerebbe dello 0,06% mentre quello degli Stati del Mercosur dello 0,01%. A seguito dell’accordo le emissioni di gas serra della Svizzera subirebbero un incremento dello 0,1%, mentre quelle degli Stati del Mercosur farebbero registrare uno +0,02%. Nel Mercosur e a livello globale l’inquinamento atmosferico rimarrebbe praticamente invariato. Il tasso di deforestazione nel Mercosur potrebbe essere dello 0,02% o al massimo dello 0,1%. Tuttavia, sulla base delle attuali evidenze scientifiche, gli autori prevedono un tasso minore o addirittura pari a zero. E anche altre conseguenze di carattere ambientale rimarrebbero limitate. Ciò - precisano gli autori - è dovuto al fatto che l’accordo di libero scambio non modifica i flussi attuali per quanto riguarda il commercio di prodotti a forte impatto ambientale né ne crea di nuovi.

D’altro canto, in base al secondo studio, realizzato da Agroscope, gli effetti di sostituzione tra prodotti e gli effetti di deviazione dei flussi commerciali tra i partner sarebbero molto limitati, così come quelli sulla produzione e sui prezzi alla produzione in Svizzera. Nel 2018 le esportazioni verso il Mercosur hanno superato i 3,6 miliardi di franchi, mentre le importazioni sono ammontate a 711 milioni.

  • 1