Fine dei test gratis, Udc chiede sessione straordinaria
Il primo partito svizzero vuole una sessione straordinaria delle Camere per ribaltare la decisione di ieri del Consiglio federale
di Keystone-ATS
Fine dei test gratis, Udc chiede sessione straordinaria
Immagine Scolari

Sarà il parlamento a salvare la gratuità dei test Covid? Stando alla Schweiz am Wochenende, il presidente del gruppo parlamentare UDC Thomas Aeschi vuole indire una sessione straordinaria delle Camere federali per portare il Consiglio federale a cambiare posizione.

Delusione per il non rispetto della volontà della Commissione
Aeschi è deluso in particolare che il governo non abbia seguito l’indicazione della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N), che mercoledì si è rivolta per lettera all’esecutivo chiedendo (16 voti a 6) di mantenere gratuiti i test. “Finché si applica l’estensione dell’obbligo di certificato, anche i costi dei test dovrebbero essere coperti”, afferma l’esponente UDC.

Sessione forse già settimana prossima
Il consigliere nazionale di Zugo vuole quindi che si muova ora il parlamento, con una sessione alla fine della settimana prossima o nella prima settimana di ottobre. Per farlo deve prima ottenere che la CSSS-N nella sua seduta di lunedì sostenga una mozione per test gratuiti. “Se una mozione identica fosse presentata anche al Consiglio degli Stati, un quarto dei membri di un consiglio potrebbe chiedere che le Camere siano convocate per una sessione straordinaria”, spiega Aeschi.

Difficile dire se l’Udc riuscirà nel suo intento
Stando alla Schweiz am Wochenende è difficile valutare quanto elevate siano le chance che questo accada. Il tema non è comunque caro solo all’UDC. La consigliera nazionale Manuela Weichelt (Verdi/ZG) spiega che per gli ecologisti è incomprensibile che il Consiglio federale ignori la volontà della commissione della sanità. “È importante che il maggior numero di persone possibile continui ad essere testato e quindi a proteggere famigliari e conoscenti”. Come Aeschi, anche lei lotterà per i test gratuiti. A suo avviso occorrerà comunque chiarire quale sia il modo migliore per raggiungere l’obiettivo.

  • 1