Crescono casi e ricoveri in Svizzera
La situazione epidemiologica continua a peggiorare in Svizzera. La settimana scorsa sono aumentati contagi, ospedalizzati e pazienti in cure intense
di Keystone-ATS/BV
Crescono casi e ricoveri in Svizzera
Immagine CdT/Gabriele Putzu

Le infezioni da coronavirus sono significativamente aumentate in Svizzera. Secondo l’ultimo rapporto dell’Ufficio federale della sanità pubblica, la settimana scorsa i contagi sono stati 38.043 contro i 25.025 dei sette giorni precedenti.

Su in ricoveri, stabili i decessi
Schizzano verso l’alto anche i ricoveri, che sono passati da 290 ai 420 resi noti tra il 15 e il 21 novembre. Lo stesso vale per i pazienti in cure intense, cresciuti a 150, contro i 124 della settimana scorsa. A causa delle dichiarazioni tardive ancora attese – precisa l’UFSP - è inoltre probabile che cresca pure il numero dei decessi. Questi ultimi, nella settimana in rassegna, sono comunque rimasti piuttosto stabili: 57 morti contro 52 di sette giorni prima.

Incidenza variabile
A livello regionale persistono grandi differenze nell’incidenza. La più bassa in Ticino, che presenta 169,0 casi confermati in laboratorio per 100mila abitanti. Più elevata in Appenzello interno con 913,1 casi. Il numero totale dei test effettuati nella settimana in rassegna non è cambiato in modo significativo, mentre la quota di PCR positivi è aumentata dal 14% al 17%. Anche la percentuale di test antigenici rapidi nella settimana in rassegna (6,2%) è stata maggiore rispetto a quella della settimana precedente (4,4%).

  • 1