Covid Pass obbligatorio in parlamento federale
Lo richiedono i politici di quasi tutti i partiti
di Keystone-ATS
Covid Pass obbligatorio in parlamento federale

L’obbligo del certificato Covid deve valere anche per il parlamento federale, da domani riunito per la sessione autunnale: è la posizione espressa da diversi politici alla luce di un’esenzione che la popolazione potrebbe avere difficoltà a capire, riferisce la SonntagsZeitung.

Da domani il pass sarà richiesto in luoghi chiusi come ristoranti, cinema e piscine: non però a Palazzo federale. Una sorta di privilegio che potrebbe non essere ben visto: di conseguenza i presidenti dei partiti - su iniziativa di quello dei Verdi liberali, Jürg Grossen - hanno scritto una lettera alla Delegazione amministrativa (cioè la direzione dei Servizi del parlamento) chiedendo l’introduzione dell’obbligo. La missiva è stata sottoscritta da tutti i presidenti ad eccezione di quello UDC Marco Chiesa, che Grossen - stando al domenicale - non ha contattato.

In realtà vi sono anche esponenti democentristi che non vedono di cattivo occhio il passo proposto. “Sono favorevole al fatto che i parlamentari debbano mostrare un certificato per entrare a Palazzo federale: sarebbe un cattivo segnale fare un’eccezione per i politici“, afferma il presidente del Consiglio nazionale Andreas Aebi (UDC/BE), in dichiarazioni riportate dal periodico zurighese. Lo stesso capogruppo UDC Thomas Aeschi, fortemente contrario all’imposizione del pass in ristoranti e palestre, è possibilista: “il requisito del certificato per la sessione dovrebbe essere riesaminato“, dice. A suo avviso è delicato impedire eventualmente ai parlamentari di partecipare di persona alla sessione, ma non sarebbe nemmeno facile capire perché si dovrebbero applicare regole diverse ai parlamentari federali rispetto ad altre assemblee.

  • 1