Svizzera
Coronavirus, Trump: "Stato di emergenza nazionale"
IN AGGIORNAMENTO - 1'800 contagi totali negli USA, nonostante la scarsità dei test, oltre a 41 morti
La Redazione
Coronavirus, Trump: "Stato di emergenza nazionale"
Coronavirus, Trump: "Stato di emergenza nazionale"

La Confederazione ha oggi improntato misure più decise per gestire la crisi: chiuse tutte le scuole sul territorio nazionale. Inoltre verrà garantito l'ingresso dall'Italia solo a frontalieri, residenti, cittadini svizzeri o persone in transito. Vietati gli eventi sopra le 100 persone, massimo 50 persone in bar e ristoranti, con rispetto delle distanze e delle norme igieniche. Tutte queste misure saranno in vigore almeno fino al 30 aprile. Stanziati anche 10 miliardi di supporto ai settori in difficoltà, 8 dei quali andranno alle indennità di disoccupazione per il lavoro ridotto. Intanto, il Canton Grigioni ha decretato la situazione straordinaria, con misure particolari. Anche il Ticino in mattinata ha chiuso tutte le scuole sul territorio: sia quelle dell'obbligo, sia quelle post-obbligatorie. Ma, secondo l’EOC e la Clinica Moncucco il Governo ticinese dovrebbe prendere misure ancora più drastiche: chiudere tutto. In Ticino il bilancio dei casi di coronavirus è salito a 258 e in Svizzera sono più di 1'000. Le vittime sono 11, di cui tre in Ticino. La Confederazione ha deciso ieri di chiudere 9 valichi minori per canalizzare il traffico nei valichi più grandi, qui la lista completa. Le frontiere rimangono comunque aperte esclusivamente ai frontalieri che potranno continuare a varcare il confine portando con sé il permesso G valido e l’autocertificazione per circolare sul territorio italiano. L'OMS ha dichiarato la pandemia.

Per conoscere quali eventi sono stati annullati controlla la nostra lista in continuo aggiornamento.

Per conoscere quali iniziative solidali sono state attivate sul territorio controlla la nostra lista in continuo aggiornamento.

La mappa aggiornata dei contagi.

20:48 - USA: 1'800 contagi, 41 morti, Trump dichiara stato emergenza nazionaleIl presidente statunitense Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale in tutti gli Stati Uniti per contrastare il diffondersi dei contagi da coronavirus. Il presidente ha annunciato che grantirà agli Stati fino a 50 miliardi di dollari di fondi federali per combattere l'epidemia. Trump ha anche investito il segretario alla salute, Alex Azar, di nuovi poteri per garantire più flessibilità negli ospedali. Il presidente americano ha anche dichiarato che spera che ogni Stato americano si affretti ad approntare immediatamente nuovi centri di emergenza, per garantire più posti letto ai pazienti. Intanto, i contagi certificati negli Stati Uniti salgono rapidamente raggiungendo oggi i 1'800 casi per 41 morti. Questo nonostante gli enormi problemi nella diffusione e nella distribuzione dei test per il virus, riporta il New York Times. Il Presidente americano ha anche invitato la popolazione a ridurre i contatti, annunciando che "il popolo americano è il più resiliente del mondo e superererà indenne questa prova". Questa notte inoltre parte il blocco dei voli verso l'Europa, ad esclusione del Regno Unito.

19:56 - Lufthansa e Swiss sondano strada aiuti di StatoLufthansa sta sondando la strada degli aiuti di Stato. "Stiamo parlando con i governi dei nostri mercati di riferimento su possibili aiuti di Stato", ha confermato un portavoce, secondo quanto riporta l'Handelsblatt on line. Con le sue filiali Austrian, Brussels e Swiss, Lufthansa ha avviato colloqui con il governo tedesco, ma anche con Austria, Belgio e Svizzera.

Secondo una fonte vicina all'azienda - citata dal sito di Handelsblatt - la situazione è "eccezionalmente dinamica". Questa settimana, il gruppo aveva annunciato un dimezzamento dei 3200 voli quotidiani di Lufthansa, Swiss, Austrian, Eurowings e Brussels.

19:39 - Tre contagi nelle caserme ticinesiLo riporta il Corriere del Ticino. Dopo il caso del ticinese a Wangen an der Aaere, ci sarebbero altri tre casi di contagio tra i militi in Ticino: due nella caserma di Monteceneri e uno in quella di Airolo. Lo hanno confermato i portavoce Daniel Reist e Delphine Allemand, annunciando inoltre che i militari stanno bene nonostante i sintomi.  Una persona contagiata sarebbe un paracadutista, un’altra presta servizio presto la Scuola del traffico e dei trasporti mentre la terza alla Scuola di salute Airolo. Il CdT comunica di non sapere se si tratta di ticinesi. 

19:30 - Il bilancio in Italia: 14.955 malati, 1.439 guariti, 1.266 morti totaliQuesti i dati della Protezione Civile emanati questa sera, che parla di primi segnali di rallentamento anche se anche oggi si sono verificati più di 2'000 nuovi contagi e 250 decessi.

18:44 - Svizzera: il bilancio sale a 11 vittimeIn Svizzera le persone decedute in seguito a complicazioni polmonari dovute al Covid-19 salgono a undici. Nella giornata odierna è stato annunciato un nuovo morto a Ginevra, uno in Vallese e in serata è giunta la conferma di due altre vittime - due anziani di 80 anni - nel canton Vaud.

La vittima ginevrina è una donna sulla trentina, deceduta lo scorso mercoledì, che soffriva di una "grave comorbilità", ovvero di diverse patologie, hanno reso noto oggi in conferenza stampa le autorità ginevrine, senza fornire dettagli. La presenza del virus è stata diagnosticata dopo la sua morte.

18:28 - Oms: Europa nuovo epicentro dell'epidemiaL'Europa è il nuovo epicentro della pandemia di coronavirus. Lo certifica l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) tramite il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, oggi a Ginevra. Sono state segnalate più infezioni e decessi in Europa rispetto a tutti gli altri paesi al di fuori della Cina messi insieme.

Tedros ha invitato tutti i paesi del mondo a continuare a combattere rigorosamente contro la diffusione, a trovare persone infette, a isolarle, a monitorare i contatti delle persone infette e a mantenere le distanze dalle altre persone.

18:27 - Grecia chiude bar, negozi e AcropoliLa Grecia vede i casi di coronavirus salire a 190 e decide di chiudere bar, ristoranti, palestre, centri commerciali, musei e siti archeologici inclusa l'Acropoli. Lo ha annunciato poco fa il ministero della sanità, attraverso il virologo Sotiris Tsiodras. Gli impiegati pubblici lavoreranno a turni alternati per evitare affollamenti in uffici e mezzi di trasporto. Atene aveva già deciso di chiudere le scuole nei giorni scorsi.

Queste misure, ha specificato Tsiodras, dureranno al momento 15 giorni. Resteranno regolarmente aperti supermercati e farmacie. I negozi che forniscono cibo da asporto potranno restare aperti, a patto che non ci siano più di cinque clienti per volta. Nessuno stop anche per i periptera, i tipici chioschi greci che oltre a vendere giornali funzionano come dei minimarket.

18:26 - Ue: misure Austria a frontiere controproducentiMisure alle frontiere, seppur previste dal trattato di Schengen, "devono essere proporzionate" e blocchi come quelli messi in atto dall'Austria, che hanno creato file chilometriche al Brennero, sono "assolutamente controproducenti" perché potrebbero "ostacolare la consegna di materiale medico o il rientro" degli autisti "nel proprio Paese d'origine". Lo ha detto la commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, al termine del Consiglio interni a Bruxelles.

"Prima di adottare questo tipo di provvedimenti, i Paesi dovrebbero coordinarsi con quelli confinanti per utilizzare lo stesso approccio", ha aggiunto la commissaria. Johansson ha ricordato comunque che "uno Stato membro può sempre procedere ad accertamenti sanitari ai confini, questo non deve essere visto come una reintroduzione dei controlli alle frontiere interne e, in questi casi, non è necessario notificarlo a Bruxelles".

18:23 - Un decesso a Ginevra, 8 totali in Svizzera. Non confermati i casi di VaudIn Svizzera le persone decedute in seguito a complicazioni polmonari dovute al Covid-19 salgono a otto. Nella giornata odierna è stato annunciato un nuovo morto a Ginevra, mentre al momento due decessi nel canton Vaud non sono stati confermati. La vittima ginevrina è una donna sulla trentina, deceduta lo scorso mercoledì, che soffriva di una "grave comorbilità", ovvero di diverse patologie, hanno reso noto oggi in conferenza stampa le autorità ginevrine, senza fornire dettagli. La presenza del virus è stata diagnosticata dopo la sua morte.

Finora le vittime legate al Covid-19 sono tre in Ticino, due a Basilea Campagna, una a Basilea Città, una a Ginevra e una nel canton Vaud. Contrariamente a quanto circolato nel pomeriggio, il Centro ospedaliero cantonale vodese (CHUV) smentisce la morte di due persone avvenute la scorsa notte.

18:17 - La diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo: chiuse le messeLa Diocesi romanda annuncia di allinearsi alle misure prese dal Consiglio federale bloccando da qui fino al 30 aprile 2020 la celebrazione pubblica delle messe. Queste saranno celebrate a porte chiuse.

18:05 - Fine della conferenza stampa

18:02 - Quali misure nell'Amministrazione cantonale? Vitta: "Vengono date una serie di informazioni ai dipendenti. Sui disinfettati è stata programmata la distribuzione in funzione dell'evoluzione. Bisogna gestire il materiale nel tempo. Domani arriveranno maggiori informazioni". 

17:57 - Situazione economica. Le associazioni imprenditoriali hanno chiesto di garantire l'entrata dei frontalieri in Svizzera per evitare crisi. Può anticipare qualche misura che verranno diffuse domani? Vitta: "Sono misure legate a restrizioni in ambiti economici. Già oggi si è registrato una flessione dei passaggi alla frontiera. le misure di carattere economico le presentiamo domani, abbiate pazienza". 

17:52 - In molte città gli anziani sono ancora in giro. Si farà qualcosa a livello di polizia? Matteo Cocchi: "Nessuno si auspica uno Stato militarizzato. Ma le disposizioni del Governo danno autorità alla Polizia di vigilare e quindi potranno esserci delle conseguenze". De Rosa: "Ho incotrato diversi anziani e sembra quasi vogliano dimostrare che siano in forma. È un momento difficile perché dobbiamo inviare loro il messaggio che dobbiamo separarci quando in questi anni abbiamo cercato di fare il contrario. Aiutateci a veicolare questo messaggio". 

17:50 - Cosa si aspetta il Ticino come misura alle frontiere? Gobbi: "Finora Berna non ha dato seguito ai controlli sanitari, per rispondere alle preoccupazioni della popolazione. Non abbiamo ancora ricevuto risposte dall'autorità federale". 

17:46. La situazione in Ticino è peggio della Lombardia? De Rosa: "È dal mese di gennaio che sto seguendo la situazione. Tutti cercano di essere pronti per una sfida che non conosciamo. È importante che ci aiutate a fare prevenzione. I professionisti stanno adeguando tutte le misure. Tutta l'attenzione è rivolta al coronavirus". 

17:40 - Il direttore sanitario della Carità ha parlato di un intubato al giorno. Che scenari si prospettano? Gli ospedali militari sono contemplati? Gobbi: "Il sostegno dell'Esercito è garantito, ma gli ospedali militari non sono preparati nella carica di pazienti in terapia intensiva. Servono per sgravare le attuali strutture sanitarie".

17:32 - Voi non avete nulla da rimproverarvi, soprattutto riguardo alla comunicazione non chiara? Bertoli: "Il premio della miglior comunicazione lo daremo a settembre quando tutto questo sarà finito. Ma non è il momento di scoprirlo oggi. Stiamo facendo tutti del nostro meglio. Non seguire le decisioni di Koch sarebbe stato arrogante da parte del Governo, pur sapendo che ci sono altre posizioni in ambito medico- Oggi sono qui a dirvi che le cose sono cambiate, ed è importante dirlo. Siamo in un'epoca di incertezza, non c'è precisione. In momentri straordinari bisogna fare cose utili. La misura sulle scuole non è una soluzione, sembra una soluzione, ma apre altre problematica. La questione dell'interagenerazionalità rimane ancora lunedì. Forse non saremo bravissimi a comunicare, ma siamo qui tutti insieme". 

17:31 - Come si fanno i controlli alla frontiera? Gobbi: "Sono competenti le guardie di confine e hanno diminuito numero dei valichi per controllare meglio. Sul territorio le nostre pattuglie vigiliano e controllano". 

17:27 - Tempo delle domande: 48 ore fa avete detto necessario remare tutte nella stessa parte. Ma dalla lettera della sanità inviata al Governo sembra che non sia così. C'è fiducia all'interno dei gruppi che devono decidere? Cosa è successo? Vitta: "Ci sono varie esperti sul campo. Da Berna c'era il responsabile dell'UFSP che ci ha esortato ad andare in una determinata direzione. Ma la fiducia ai tecnici è intatta ed è importante che rimanga tale. Bisogna essere consapevoli che siamo in un campo dove non c'è una risposta esatta. Ci sono interpretazioni e letture differenziate. Importante essere pronti a cambiare strategia di fronte agli eventi e oggi il Governo lo ha dimostrato". 

17:24 - Merlani: "Possiamo mettere in atto tante misure, ma se non vengono rispettate...Mi appello soprattutto ai giovani. Ho bisogno che siano i media ad aiutarmi a far passare il messaggio". 

17:21 - Merlani: "Dovrei cominciarvi a darvi i dati, ma...Il 21 febbraio nessuno sapeva più di tanto su questo virus. Il 25 febbraio abbiamo avuto il primo caso in Ticino. Sono passate neanche 3 settimane da quel giorno. Ho l'impressione che non c'è equilibrio tra isteria e misure necessarie. Sicuramente non è facile e forse ci sono troppe voci in campo, spesso con pretese di verità assoluta. È fondamentale capire cosa viene messe in atto di volta in volta. I dati di oggi: 258 casi oggi pomeriggio. Stiamo salendo in maniera eccessiva. 52 persone ricoverate in ospedale, 13 in terapia intensiva. Se non interveniamo come cittadini, non riusciamo a schiacciare la curva". 

17:16 - De Rosa: "Mi rivolgo a voi come papà, figlio e nipote. Dobbiamo fare il possibile per appiattire il numero di contagi. I provvedimenti sono necessari, ma non sufficienti se non c'è una presa di coscienza da parte di tutti. In questo momento non c'è spazio all'egoismo e vi chiediamo di essere solidali", ha sottolineato De Rosa, ricordando le regole disposte dell'UFSP. 

17:12 - Gobbi: Il Governo sta preparando diverse misure che riguardano amministrazione pubblica ed economia privata. abbiamo chiesto sostegno il consiglio federale di sospendere tutti gli atti fallimentari. In parallelo, pensando al terzo portere, misure vi sono anche per il sistema giudiziario per tutelare gli utenti. Uno dei temi affrontati da Berna sono i controlli al confine: da lunedì la polizia cantonale effettua i controlli. Berna ha codificato quello che è già stato fatto con successo. È una non risposta alle aspettative alla popolazione, anche di carattere politico. Si sono registrati 40mila passaggi in meno alla frontiera rispetto a una settimana fa. (da 68 si è passati a 28mila). 

17:10 - Bertoli: "Ora è stato deciso di chiudere, con possibilità a chi non può lasciare i bambini a casa di portarli a scuola. misura che può essere utile per riuscire a combattere il contagio. Rimane fermo il principio secondo cui l'intergenerazionalità va assolutamente vietata. Ringrazio il personale docente, che ha lavorato fino a oggi".

17:08 - Bertoli: "mercoledì ho annunciato le misure che toccano la scuola (chiusura scuola post-obbligatorie, e formazione a distanza). Per ragioni sanitaire, l'UFSP ci aveva indicato come il mantenimento dell'apertura delle scuole dell'obbligo andava nel senso di ridurre al massimo gli incontri tra più piccoli e grandi. Questo concetto vale ancora oggi, ma le condizioni cambiano. Ci stiamo adattando alla situazione giorno per giorno". 

17:07 - Vitta: "Le misure odierne costituiscono un passo ulteriore per lottare contro coronavirus. Incidono sulle nostre libertà, ma necessarie. Occorre agire con grande consapevolezza e senso di responsbilità. Chiediamo a cittadini e aziende di rispettare le regole".

17:03 - Vitta: "Il Governo ha deciso unanemente a partire da lunedì 16 marzo delle ulteriori misure: 1. amministrazione pubblica garantisce servizi di base, stop a quelli non prioritari". 2. Elaborazione di misure restrittive per l'economia, che verrano comunicate domani. Definite misure puntuali come lavoro ridotto, (oltre 800 le domande giunte al Cantone) e fideiussioni. 3.  chiuse tutte le scuole dell'obbligo: per scongiurare scambio interagenezionale, sarà attivato da martedì un servizio. 

17:00 - Inizia la conferenza stampa a Bellinzona. " È giunto il momento di spiegare le misure adottate questa mattina". 

16.50 - Inizia la diretta su Teleticino e Radio3i con gli aggiornamenti sulla situazione attuale 

16:40 - I Grigioni decretano la situazione straordinaria, prima del Consiglio federaleAttivata la protezione civile, sospese tutte le attività sociali e ogni eccezione sopra le 50 persone richiede un permesso speciale. Divieto di visite negli ospedali e obbligo di garantire la distanza sociale nei negozi. Misure valide anche per gastronomia e turismo. Chiusa la stagione sciistica. Si parla di situazione molto difficile in cui spesso non si riesce più a determinare le fonti dei contagi.

16: 38 - Fine conferenza stampa, in questo articolo il riassunto delle misure intraprese

16:37 - D: "Visto l'aumento dei casi, se avessimo una macchina del tempo avreste deciso questa misura già settimana scorsa?"Berset: "Questa è una domanda politica. Noi attuiamo le misure di momento in momento, e bisogna anche che la popolazione le accetti. A prendere misure troppo presto la gente non avrebbe capito e avrebbe detto "Il consiglio federale è impazzito?". Penso che comunque stiamo attuando misure adeguate e puntuali, in linea con gli altri Paesi".

16:35 - D: "Quali sono i presupposti affinché si passi alla situazione straordinaria?"Berset: "Noi possiamo attuare molte misure già nella situazione particolare, nella situazione straordinaria significa che tutte le decisioni si rifanno al diritto d'urgenza, togliendo contatti e voce in capitolo ai Cantoni. La misura è possibile ma preferiamo evitarla finché possibile". Daniel Koch: "Aggiungo che non ci preoccupa la situazione ma l'epidemia. È la malattia che stabilisce il ritmo delle decisioni. Naturalmente il Consiglio federale può decidere che si passi alla situazione straordinaria, ma finché riusciamo a gestirla in situazione particolare è meglio così".

16:33 - D: "Non pensate che il Consiglio federale debba assumere un ruolo più attivo nel controllo delle frontiere, come chiesto anche in Ticino?"Keller-Sutter: "Le aziende devono assumersi le proprie responsabilità e magari lasciare a casa persone a rischio da oltreconfine. Per noi è difficile fare una selezione delle persone all'entrata, per esempio mantenendo solo le persone della sanità. Non possiamo fare queste distinzioni e contiamo sulla responsabilità degli imprenditori"

16:26 - D: "Come definite storicamente le misure adottate oggi?"Sommaruga: "Sono misure importanti, ed è importante che tutti collaborano. Non so se siano mai state adottare misure come queste in passato. Tuttavia siamo all'interno di un processo e le misure andranno adeguate da momento in momento e caso per caso. Queste misure valgono oggi, forse a breve varranno altre misure"

16:26 - D: "Le scuole reclute verranno chiuse?"Berset: "Per il momento non è previsto, pensiamo si possano rispettare al loro interno le misure d'igiene e della distanza".16:24 - D:"A che punto siamo con la saturazione del sistema sanitario?"Berset: "Al momento non si può parlare di saturazione, ma l'ordinanza garantisce l'obbligo di informare sulla situazione sanitaria. Per ora constatiamo una progressione del numero dei casi, la situazione è in evoluzione e si stanno adottando misure per avere più posti letto. Per il momento non ci sono problemi di saturazione ma la situazione evolve giorno dopo giorno. Il Ticino è in prima linea vista la vicinanza con l'Italia e restiamo in contatto".

16:22 - D: "Perché non applicare l'ordinanza anche ai cittadini francesi e tedeschi? E non avete paura che Germania e Francia chiedano i confini?"Keller-Sutter: "L'Italia al momento è ferma, una situazione che la Francia al momento non ha. L'ordinanza tuttavia prevede la possibilità di estendere queste misure, se necessario. Lei parla di reciprocità: per questo c'è lo spazio Schengen, e abbiamo gli stessi diritti e obblighi degli altri aderenti"

16:20 - D: "Perché è giusto che turisti italiani non possano entrare mentre oltre 70'000 frontalieri sì?"Keller-Sutter: "Non è detto che entreranno tutti, anche l'economia e il turismo ticinesi stanno rallentando. Noi comunque vogliamo evitare il più possibile gli ingressi, che già sono diminuiti. Ora non tutti i frontalieri entrano tutti i giorni in Svizzera". Christian Bock, amministrazione federale dogane: "Posso confermare che gli ingressi sono molti diminuiti in Ticino"

16:19 - D: "Questi divieti significano la chiusura delle stazioni sciistiche?Berset: "Praticamente sì".

16:18 - D: "Come fate a controllare che i locali pubblici mettano in atto le misure?"Berset: "Parto dal presupposto che chi non le attuerà sarà fuorilegge, quindi penso lo faranno, ma tocca ora ai Cantoni a vigilare"

16:16 - D: "Il Canton Ticino ha fatto tutto giusto fin'ora, è stato un precursore o un "laboratorio" di cavie?" Berset: "Logicamente, a causa della geografia, il Canton Ticino è stato confrontato prima degli altri con questa situazione, ha messo in atto misure per primo e ha avuto questa volontà di andare avanti. Chiaramente questo ci ha aiutato a riflettere su cosa poteva succedere, per esempio ci siamo resi conto che il divieto di frequentare la scuola post-obbligatoria ma non quella obbligatoria non è stata capito dalla popolazione, e questo ha avuto un ruolo".

16:14 - D: "Per molti genitori sarà difficile scegliere tra lavorare e tenere i figli, cosa pensate di fare?"Sommaruga: "Molti datori di lavoro si sono dimostrati molto flessibili e aperti a soluzioni, per esempio con il telelavoro, sono convinta che assieme ai loro impiegati si sforzeranno di trovare soluzioni. Noi contiamo anche sulla possibilità di situazioni accessorie. Vanno disciplinate anche le offerte di custodia per mantenere le misure inerenti la distanza, ma i Cantoni hanno già ricevuto avvisi in merito e hanno già riflettuto sul da parte. Ma sono Cantoni e Comuni che devono intervenire direttamente. Facciamo appello anche alla vostra creatività in merito"16:12 - D: "Diversi virologi hanno firmato una petizione in cui si chiede di passare dallo stato di "situazione particolare" a stato di situazione eccezionale?"Berset: "In situazione eccezionale le misure che i cantoni possono decidere passano alla Confederazione. Preferiamo lasciare libertà d'azione ai Cantoni. Le misure adottate oggi rientrano nello stato di situazione particolare"

16:11 - Berset: "Tra due settimane rivaluteremo la situazione, che cambia di continuo, occorre modestia. Le misure possono essere prolungate ma anche revocate o modificate. Siamo nel corso di un processo, è la prima volta che adottiamo una misura di questo genere, siamo ben coscienti del loro impatto, non possiamo dire a priori cosa succederà in futuro, osserveremo e decideremo"

16:09 - D: "La manifestazione del 17 maggio si terrà?"R: "Dobbiamo ancora decidere"

16:07 - D: "Perché non si fanno più i test per il coronavirus? Per non colpire troppo l'economia?"Daniel Koch, Direttore dipartimento malattie infettive: "Non vogliamo che gli studi medici siano sovraccaricati già a causa dei test. A livello europeo siamo tra quelli che facciamo più test procapite."

16:05 - D: "Ho una figlia che studia all'Università e constato che i giovani non hanno tanta comprensione per queste misure e continua a incontrarsi. Come pensate di far passare il messaggio?"Berset: "Il messaggio di oggi è che la situazione è seria. La scena delle feste va quindi limitata per evitare questi rischi. Quest'ordinanza dimostra che facciamo sul serio, per proteggere i più vulnerabili e preservare il nostro sistema sanitario".

16:02 - D: "Gli altri Paesi sono andati oltre sui limiti agli eventi, perchè non imitarli? Perché non c'è un obbligo per i Cantoni di fornire offerte di custodie dei bambini? Perché l'IPG non si occupa della perdita di guadagno se i genitori restano a casa a curare i bambini?"Berset: "Sui Cantoni, vogliamo lasciare loro libertà d'azione anche stiamo comunicando con loro da tempo affinché lo facciano. Sulle manifestazioni: si poteva andare oltre, ma la base è che le misure igieniche e la distanza vanno rispettate."

16:00 - D: "chiuderanno anche gli asili nido?" Berset: "Difficile il social distancing, non è una scuola obbligatoria quindi la competenza rimane ai Cantoni"

15:59 - D: "Il divieto al di sopra delle 100 persone, vuol dire che anche le sessioni in Parlamento sono sospese?" Berset: "Non si può dire che il Parlamento rientra nelle categorie di eventi considerate. Tuttavia il Parlamento dovrà decidere a sé, e questo divieto non significa che tutti gli uffici con più di 100 persone debbano chiudere".

15:55 - Domanda: "Perché questo voltafaccia sulle scuole?" Berset: "Abbiamo sempre detto che le misure sono adottate a seconda del momento. Ora la situazione è cambiata: da ieri o l'altro ieri uno studio del Centro Europeo di prevenzione e controllo delle malattie che consigliava questa misura. Inoltre, abbiamo seguito la decisione in Ticino che ha deciso di chiudere le scuole nel post-obbligatorio. Abbiamo constatato che è molto difficile spiegare alla popolazione perchè i ragazzi di 16/17 anni possano non andare a scuola e i più giovani sì. Inoltre, anche i Paesi limitrofi hanno rivisto la loro posizione, e abbiamo dovuto tenerlo in considerazione. Inoltre, i cantoni avrebbero probabilmente preso questo passo anche se non l'avessimo fatto."

Domande dei giornalisti

15:54 - Parmelin: "CF deciso a sostenere l'economia in questa situazione particolare"

15:53 - Parmelin: "Fondi anche per squadre professionistiche a tasso zero e per organizzazioni culturali""Creata una taskforce Covid-19 sotto l'egida del Ministero dell'Economia per valutare ulteriori interventi".

15:53 - Parmelin: "Contributi per organizzazioni sportive per 50 milioni di franchi. Ma associazioni di categoria dovranno avere copertura di capitale per sei mesi"

15:52 - Parmelin: "Per le piccole-medie imprese: 180 milioni di franchi a disposizione sotto forma di crediti bancari per le aziende in difficoltà, fino a un milione ciascuna. Condizioni semplificate"

15:51 - Parmelin: "Studiate modifiche di legge più sostegno finanziario per casi eccezionali, fino a un miliardo di franchi""Soprattutto aiutare aziende con crisi di liquidità importanti"

15:50 - Parmelin: "A disposizione 10 miliardi per pagare i salari""Soldi disponibili per l'indennità di disoccupazione (lavoro ridotto), cui verranno forniti 8 miliardi di franchi. Periodo d'attesa per lavoro ridotto portato a un giorno, più semplificazioni amministrative"

15:49 - Parmelin: "Conseguenze pesanti sull'economia, specie per una che guadagna un franco su due all'estero, la sosterremo"15:45 - Keller-Sutter: "Gli Svizzeri e persone con permesso di soggiorno valido o motivi personali (per esempio i frontalieri o fornitori di merci) possono continuare ad entrare. Consentito anche il traffico di transito"

15:44 - Keller-Sutter: "Limitazioni per chi entra dall'Italia, su richiesta anche dell'autorità ticinese""Tutte le persone che vengono da regioni a rischio non possono entrare in Svizzera, in sintonia con l'accordo Schengen e l'accordo sulla libera circolazione. Gli accordi ci consentono margine di manovra per gestire il traffico alle frontiere".

15:43 - Berset: "Fino a nuovo avviso raccomandiamo di riununciare ai viaggi all'estero"

15:42 - Berset: "Questa è una nuova società rispetto a una settimana fa, i contatti sociali sono rallentati"Il Consigliere federale ha approfittato per ringraziare tutti gli operatori in ospedali, case per anziani e altri settori a rischio per il lavoro incessante.

15:40 - Berset: "Il divieto alle manifestazioni con più di 100 persone vale fino al 30 aprile, bar ristoranti e discoteche possono rimanere aperte ma con non più di 50 persone in contemporanea""Continuano a valere inoltre le misure dell'Ufficio federale della sanità su social distancing e igiene"

15:39 - Berset: "Dobbiamo poter rinunciare alle nostre passioni e i nostri passatemi per proteggere i più vulnerabili, le misure funzionano solo con il coinvolgimento della popolazione""Più di tutto importante igiene e mantenere le distanze"

15:37 - Berset: "Vietato insegnamento con presenza di allievi nelle scuole, per evitare assembramenti. Facile per licei e università, più difficile per la scuola dell'obbligo ma ci sono soluzioni possibili""Necessità principale rallentare ritmo contagio per proteggere i più vulnerabili"

15:35 - Berset: "Vietate le manifestazioni con più di 100 persone, si applica anche alle istituzioni del tempo libero (musei, palestre, piscine, ecc.)""Per manifestazioni sotto le 100 persone criteri molti restrittivi"

15:34 - Berset: "Oggi alle 12:30 1009 casi confermati, 1125 in totale con i non confermati. Situazione in costante evoluzione""Vogliamo che tutta la popolazione ci segua unita"

15:34 - Sommaruga: "Situazione difficile, possiamo contare su esperti molto competenti che si impegnano per la nostra salute e per l'economia, li ringrazio"

15:32 - Sommaruga: "Misure molto incisive, ampliato il divieto di manifestazioni pubbliche fino a fine aprile, restaurati controlli Schengen al confine"Alle aziende in difficoltà: "Non vi lasciamo soli, abbiamo i fondi e li metteremo a disposizione"

15:30 - Le misure del Consiglio federale: dall'Italia entrano solo frontalieri, dimoranti e svizzeri, chiuse tutte le scuole vietati gli eventi sotto le 100 persone e massimo 50 persone i bar e ristorantiQueste le misure decise in riunione dai Consiglieri federali questa mattina e comunicate in anticipo a mezzo stampa. Forniremo ulteriori dettagli a breve.

15:04 - AIL chiude il Puntocittà a LuganoLe Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA comunicano che lo sportello presso il Puntocittà in via della Posta 8 a Lugano rimarrà chiuso fino a nuovo avviso.AIL comunica che resta sempre a disposizione della clientela il Contact Center al numero di telefono 058 470 70 70, dal lunedì al venerdì: 08:30 – 12:00 e 13:30 – 17:00, e di rispondere inoltre alle email all’indirizzo [email protected] Una consulenza personale rimane possibile presso il centro operativo di Muzzano in Via Industria 2.

15:00 - Austria chiude i negozi "non essenziali" per almeno una settimanaL'Austria segue il modello italiano e chiude i negozi. Resteranno aperti solo alimentari, farmacie, banche, poste e pochi altro esercizi commerciali essenziali. Da lunedì ristoranti e bar dovranno chiudere alle ore 15.00. Il cancelliere Sebastian Kurz ha rivolto un appello ai datori di lavori di consentire lo smart working. La chiusura dei negozi - ha detto Kurz - "per il momento è prevista per una settimana". Chiuderanno anche le palestre, ha precisato. Le scuole resteranno invece chiuse fino a Pasqua.

Il governo austriaco ha anche individuato due zone rosse. Kurz ha annunciato l'isolamento della valle Paznaun e del centro sciistico St. Anton, dove si registrano dei focolai. Negli ospedali, che sono di competenza dei Länder, sarà introdotto un divieto di visite, ad eccezione dei reparti di pediatria e cure palliative.

14:47:  Chiudono gli impianti e servizi turistici in TicinoL'Unione trasporti pubblici e turistici (UTPT) informa che gli impanti che soggiacciono alla chiusura sono i seguenti: Ferrovia Monte Generoso, Funicolare Monte Bre, Funicolare San Salvatore, Funivia Brusino Serpiano, Funivia Monte Lema, Telecabina Monte Tamaro, Società Navigazione Lago di Lugano e Maggiore, Cardada Impianti Turistici, Funicolare Ritom, Funivia Pizzo di Claro, Funivia S. Carlo Robiei, Amici del Nara, Sci Lift Prato Leventina, Sciovia Alpe di Neggia, Sciovie Campo Blenio Ghirone, Funivia Monte Carasso Mornera, Consorzio Trasporti Comino, Funivia Verdasio Rasa, Funiva Pila Costa, Valbianca Airolo, Sci Club Monte Lema, Funicolare Madonna del Sasso, Nuova Carì, Sciovia LuvinaRimangono invece in servizio: TPL – FART – Autopostale – ARL – AMSA – ABL – TILO - FLP Funivia Intragna – Pila – Costa e Verdasio-Rasa Linea SNL Lago Ceresio corsa 437 -Morcote-Porto Ceresio Line SNL sul bacino svizzero del Lago Verbano corsa 351 Locarno – Magadino Lineee SNL bus corse 439 – Lugano capione d’Italia e 490 – Lugano Gandria. 

14:29 - L'UDC di Lugano chiede aiuti economici per bar, alberghi e ristorantiI democentristi luganesi invitano il Municipio di Lugano a prevedere in tempi brevi un supporto economico per bar, alberghi e ristoranti cittadini "così da evitare il tracollo economico degli esercizi che contraddistinguono la nostra Città". L'UDC scrive di comprendere che lo sforzo in questo senso non sarà di facile applicazione ma che è proprio in questi momenti difficili che l'ente pubblico deve intervenire per sostenere le realtà locali.

14:17 - Anche il Canton Friburgo e il Canton Vaud chiudono le scuole Dopo il Canton Ticino anche Friborgo e Vaud hanno deciso di chiudere. Lo ha deciso oggi. Queste decisioni arrivano in un momento in cui le richieste di chiusura di asili nido e scuole in tutto il paese sono in aumento, una misura già decisa in Italia e in Francia in particolare.

14:14 - Primi licenziamenti presso Helvetic AirwaysScattano i primi licenziamenti a causa del coronavirus nel settore dell'aviazione svizzera: Helvetic Airways ha interrotto il rapporto di lavoro con una decina di piloti e assistenti di volo. La compagnia aerea che gestisce diversi collegamenti di linea e voli charter soffre per il crollo della domanda dovuto alla crisi del coronavirus, spiega il Ceo Tobias Pogorevc al Blick online. La società ha predisposto uno stop immediato all'acquisto di nuovi apparecchi nonché agli investimenti e invoglia i dipendenti a smaltire una parte delle loro vacanze sino a fine giugno.

14:11- Primo contagio a Trinidad e Tobago, era in SvizzeraÈ un uomo di 52 anni il primo caso confermato di coronavirus a Trinidad e Tobago, stato insulare dell'America centrale caraibica. Lo ha annunciato il ministro della Sanità, Terrence Deyalsingh. Il paziente, ha precisato il ministro, è tornato lunedì dalla Svizzera ed ha subito manifestato i sintomi tipici del virus Covid-19. Per questo le autorità sanitarie ne hanno disposto il ricovero nell'ospedale di Caura, 19 chilometri ad est della capitale, Port of Spain.

14:09 - Media Brasile, casi confermati sono almeno 137Malgrado il bilancio ufficiale di casi di coronavirus in Brasile sia ancora fermo a 77 - secondo l'ultimo bollettino diffuso dal ministero della Sanità locale - in realtà i pazienti contagiati dalla malattia sono almeno 137, secondo conteggi effettuati dai media locali.

14:09 - Giro d'Italia, Ungheria cancella le 3 tappe di avvioSaltano le prime tre tappe del Giro d'Italia di ciclismo, dal 9 all'11 maggio: lo hanno annunciato gli organizzatori ungheresi della corsa, che quest'anno prevedeva la partenza da Budapest e altre due giornate su circuiti ungheresi. L'annullamento e' dovuto alle misure di emergenza decise dal governo Orban per affrontare l'emergenza coronavirus.

13:48 - Presidente Regiona Lombardia Attilio Fontana: "Dare risposte certe ai frontalieri"Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana auspica uno scambio di informazioni più diretto fra Italia e Svizzera sulla questione dei lavoratori frontalieri di fronte all'emergenza coronavirus. "Il sottosegretario agli Affari esteri, Ivan Scalfarotto, mi ha assicurato che già oggi avrà un colloquio con l'ambasciatrice svizzera in Italia, Rita Adam, per dare risposte concrete e certe a quei lombardi che tutti i giorni si recano in Svizzera per lavorare", ha reso noto il presidente della regione.

13:41 - Berlino, credito illimitato per le impreseProgrammi di credito illimitati per aiutare le imprese tedesche nell'emergenza coronavirus. Lo ha annunciato il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz in conferenza stampa a Berlino. "Mettiamo tutte le armi sul tavolo" per affrontare l'emergenza, ha detto il ministro.

13:36 - Chiudono le scuole, ASPI mette a disposizione un team In un’ottica di collaborazione, una parte del team ASPI(Fondazione della Svizzera Italiana per l’Aiuto, il Sostegno e la Protezione dell’Infanzia)  si è messo a disposizione delle autorità scolastiche per gli allievi che per ragioni famigliari non possono restare a casa. ASPI intende così dare il suo contributo alla gestione di una situazione straordinaria e auspica che si possa presto tornare alla normalità

13:21 - Eventuale chiusura scuole, direttori istituti devono prepararsiI direttori delle scuole in Svizzera devono prepararsi a un'eventuale chiusura degli istituti a causa della diffusione del coronavirus. L'associazione che raggruppa i direttori delle scuole del Paese (Verband Schulleiterinnen und Schulleiter Schweiz) invita i suoi affiliati ad adottare provvedimenti se i propri docenti "vulnerabili" devono rimanere a casa. Sono sensate anche misure preparatorie per favorire l'insegnamento a distanza (e-learning). In una circolare inviata ai membri dell'associazione, si invitano i responsabili delle scuole a seguire le indicazioni dell'ufficio federale della sanità pubblica e dei rispettivi Cantoni.

13:14 - OCST: "Chiudere le attività non necessarie"Anche OCST insiste sulla necessità di chiudere le attività economiche non necessarie, e "di proteggere in modo compiuto le lavoratrici e i lavoratori".

13:13 - Unia Regione Ticino e Moesa chiedono la chiusura della attività non indispensabili"In linea con quanto richiesto da più parti e già proposto in molti paesi, questa è l’unica misura realmente efficace per arginare questa emergenza. Nella maggior parte dei posti di lavoro non vengono garantite, o peggio non è possibile garantire, le misure di protezione della salute e di sicurezza adeguate, definite dalle autorità competenti" spiega il Sindacato.

13:05 - TILO limita il servzioL'evoluzione del Covid-19 porta ad una massiccia diminuzione dei viaggiatori per questo le FFS hanno deciso di limitare i servizi. Qui tutti i dettagli

12:57 - "In Iran fosse comuni come campi di calcio"L'Iran avrebbe creato fosse comuni per seppellire numerose vittime del coronavirus nella Repubblica islamica, che potrebbero quindi essere in realtà molte di più delle 514 confermate ufficialmente ad oggi. Lo sostiene il Washington Post, che pubblica immagini satellitari che identifica come il sito di Behesht-e Masoumeh nella provincia di Qom, 80 km a sud di Teheran, che è stato il primo focolaio noto dell'epidemia nel Paese. Il giornale scrive che a ottobre il sito appariva vuoto e adesso sarebbe stato riempito di oltre 250 cadaveri. Secondo il quotidiano americano, che cita le analisi di alcuni esperti, si tratta di uno spazio lungo oltre 90 metri ed equivalente a due campi di calcio.

12:53 - 153 nuovi casi in Belgio, superata quota 550Sono 153 i nuovi casi di coronavirus confermati dal Centro di crisi federale (8 a Bruxelles, 61 nelle Fiandre e 84 in Vallonia), portando così a 556 il numero totale nel Paese.

12:47 - In Svizzera oltre mille casi positiviSuperata la soglia di mille contagi al nuovo coronavirus in Svizzera: il bilancio, pubblicato oggi a mezzogiorno, indica che i casi positivi sono 1125, di cui quattro in Liechtenstein. In totale 1009 sono confermati, mentre per altri 116 si attendono nuovi risultati. Lo indica l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). I deceduti rimangono al momento sette. In Ticino i casi registrati sono progrediti di 35 a 215, di cui tre ancora in attesa di conferma dopo un primo risultato positivo. Nei Grigioni, invece il numero è salito a 36 (3 ancora in attesa di ulteriore conferma). Rispetto a ieri, si contano 267 casi positivi in più sul territorio nazionale, mentre quelli confermati da un laboratorio di riferimento sono saliti di 194 unità, rileva il nuovo bilancio dell'UFSP.

12:40 - Morti in Iran salgono a 514, 85 in 24 oreSi aggrava il bilancio dell'epidemia di coronavirus in Iran. Altre 85 persone sono morte nelle ultime 24 ore, portando il totale delle vittime a 514. Il numero dei casi registrati è salito a 11.364, con 1.289 nuovi contagi confermati. Le persone guarite sono invece 3.529. Lo riferisce il ministero della Salute di Teheran.

12:34 - In Romania contagio al Senato, casi saliti a 70In Romania un senatore del partito liberale, Vergil Chitac, è stato riscontrato positivo al test del coronavirus. Di conseguenza l'ex premier e leader del partito di Chitac, Ludovic Orban, ha dichiarato alla stampa che andrà immediatamente in auto-isolamento volontario assieme a tutti i suoi colleghi di partito.

12:34 - Primo caso in Kenya, è una donna tornata dagli UsaIl Kenya ha annunciato oggi il suo primo caso confermato di coronavirus, precisando che si tratta di una donna tornata dagli Stati Uniti e risultata positiva alla malattia a Nairobi. È anche il primo caso confermato del nuovo coronavirus nell'Africa orientale.

12:33 - Ospedali devono annunciare numero letti nelle cure intensiveDa oggi, gli ospedali e le cliniche devono annunciare il numero di letti disponibili nelle cure intensive per i pazienti affetti da coronavirus. Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) ha istituito un nuovo sistema di notifica. I nosocomi sono tenuti ad annunciare tutti i posti in isolamento, terapia intensiva e di quanti ventilatori artificiali dispongono, ha indicato il DDPS sul suo sito Internet

12:32 - L'Austria chiude 47 valichi minori con l'ItaliaL'Austria ha annunciato la chiusura di 47 valichi minori con l'Italia. Restano aperti il Brennero, passo Resia, Prato alla Drava e Tarvisio. L'elenco è contenuto nel decreto del ministro degli Interni Karl Nehammer, pubblicato dalla Wiener Zeitung. A Tarvisio/Thorl-Maglern sulla strada statale si potrà entrare in Austria solo dalle ore 6 alle 21. Chiudono, se non già fermi per la chiusura invernale, Pramollo, passo Rombo e passo Stalle. Gli altri valichi sono sentieri alpini, come per esempio il passo dei Tauri.

12:30 - Oltre il 20% dei decessi sono avvenuti in ItaliaDue decessi su dieci collegati al coronavirus sono avvenuti in Italia: i 1.016 morti nella Penisola rappresentano il 21% delle circa 5.000 persone decedute a livello mondiale con diagnosi di Covid-19. È quanto emerge dall'aggiornamento "Coronavirus: quello che c'è da sapere", pubblicato dall'Istituto Malattie Infettive Spallanzani il 12 marzo, e basato su dati dello European Centre for Disease Prevention and Control e della Protezione Civile.

12:20 - Sportelli chiusi a LuganoTutti gli sportelli della città di Lugano restano chiusi e aprono con orari ridotti solo su appuntamento. Lo ha reso noto il Municipio sottolineando che i centralini telefonici dei diversi sportelli sono attivi dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 11:00 e dalle 14:00 alle 16:00, per prendere appuntamento e per evadere le richieste, laddove possibile, telefonicamente.

12:15 - La Svizzera chiuderà le frontiere?C'è molta confusione e temiamo che, nel breve periodo, anche la Svizzera adotterà misure più stringenti per l'emergenza Coronavirus". Così il coordinatore dei frontalieri nel Verbano Cusio Ossola (Vco), Antonio Locatelli. Qui l'articolo completo

12:10 - Si fermano Champions ed Europa League L'Uefa ha deciso di sospendere le partite in programma la prossima settimana. Fermi anche i campionati nazionali. 

12:01 - Primo caso in Cina risale al 17 novembreIl primo caso finora accertato in Cina di infezione al Covid-19 è del 17 novembre: il South China Morning Post, in base a documenti governativi consultati, ha scritto che potrebbe trattarsi di un uomo di 55 anni residente nella provincia dell'Hubei. Ancora non esiste la conferma che si tratti con certezza del 'paziente zero', alla origine dell'epidemia, precisa il quotidiano. Capire come si sia diffusa l'infezione può aiutare a chiarire come i casi non rilevati abbiano contribuito alla trasmissione della malattia e a comprendere la reale minaccia del virus.

11:47 - Germania, viaggi privati solo se essenzialiIl ministro dei Trasporti tedesco Andreas Scheuer ha annunciato importanti limitazioni della circolazione del traffico locale in Germania. "I cittadini devono ridurre i viaggi privati assolutamente all'essenziale", ha affermato. Le limitazioni "non riguarderanno solo i treni passeggeri, ma anche quelli merci e i treni a lunga percorrenza", ha spiegato.

11:26 - Berlino pianifica aiuti miliardari alle impreseIl governo tedesco pianifica aiuti miliardari per le imprese, per tutelare i posti di lavoro in Germania. Lo scrive l'agenzia tedesca DPA, citando il piano a cui stanno lavorando il ministro delle Finanze Olaf Scholz e quello del Lavoro Hubertus Heil.

11:14 - Liechtenstein chiude le scuoleDopo l'Italia, la Francia, il Belgio e altri Stati, anche il Principato del Liechtenstein chiude da lunedì tutte le scuole, gli asili e i nidi per l'infanzia. Lo ha annunciato oggi il governo di Vaduz in seguito all'epidemia di coronavirus. La misura è valida fino alle vacanze di Pasqua.

11:10 - Lugano attiva un numero verdeNell’ambito delle azioni adottate a fronte dell’emergenza epidemiologica del COVID19, la Città di Lugano ha attivato oggi il numero verde 0800 6900 00 come misura di sostegno psicosociale alla cittadinanza più fragile.

11:00 - Unia chiede al CF un fondo per i lavoratoriUnia chiede al Consiglio federale di varare rapidamente un fondo di almeno 4 miliardi di franchi per garantire i salari e proteggere dal licenziamento i lavoratori minacciati dal coronavirus. Il maggiore sindacato della Svizzera auspica inoltre misure per gli ultra 50enni, programmi di stabilizzazione per i settori più toccati. Qui l'articolo completo

10:30 - Parlano gli esperti, le misure in Svizzera non sono abbastanzaEsperti svizzeri lanciano l'allarme sul coronavirus: in una lettera aperta chiedono al Consiglio federale di dichiarare lo stato di "situazione straordinaria". Le norme e le misure attualmente in vigore in Svizzera sono insufficienti per evitare un sovraccarico del sistema sanitario, scrivono nella lettera pubblicata oggi. 

10:02 - Chiudono le scuole dell'obbligo in TicinoIl Consiglio di Stato ha deciso nuove misure per contrastare il contagio del coronavirus. Qui tutte le nuove misure del Cantone

09:37 - Berlino chiuderà scuole progressivamenteAnche le scuole e gli asili infantili di Berlino verranno chiusi dalla prossima settimana, ma progressivamente. Lo ha annunciato il sindaco Michael Mueller.

09:17 - Borsa svizzera: rimbalza, primi scambi in rialzoDopo il crollo di ieri la borsa svizzera rimbalza: alle 09.05 l'indice dei valori guida SMI segnava 8517.69 punti, in progressione del 2,99% rispetto a ieri. Dopo aver vissuto ieri la peggior giornata della sua storia, con l'SMI che è arretrato di quasi il 10%, il mercato si interroga comunque sull'impatto che continuerà ad avere il coronavirus sulla congiuntura mondiale. "Una pandemia non si combatte con misure di politica monetaria", ha osservato un operatore.

09:06 - La F1 si fermaLa F1 si ferma per il coronavirus: è ufficiale, cancellato il Gp d’Australia. La decisione di non correre il primo Gran Premio della stagione è stata presa dopo la positività di un membro della McLaren

09:00 - UAE: “Fermate le attività aziendali”L’Unione Associazione dell’Edilizia consiglia alle imprese del settore artigianale di fermare le attività aziendali almeno per una settimana. 

08:52 - Interpellanza al Municipio di Lugano. "Esiste un fondo per gli esercenti?"Esponenti del PLR hanno inviato un'interpellanza al Municipio di Lugano. Chiedono maggiori sforzi perché commerci ed esercenti sono in ginocchio. Qui l'articolo

08:50 - Il Nepal annulla tutte spedizioni sull'EverestIl Nepal ha annullato tutte le spedizioni sull'Everest per il resto della stagione nel tentativo di contenere l'epidemia di coronavirus.

08:49 - Singapore vieta ingressi da 4 Paesi europeiIl ministro della Salute di Singapore ha reso noto che dal 15 marzo, alle 23:59 locali, a tutti i nuovi visitatori con viaggi fatti in Italia, Francia, Spagna e Germania negli ultimi 14 giorni non sarà autorizzato l'ingresso nella città Stato o addirittura il transito. Ai cittadini di Singapore, ai residenti permanenti e ai possessori di visto di soggiorno di lungo termine che di recente hanno visitato i 4 Paesi europei sarà disposta la quarantena domiciliare di due settimane al momento del loro ritorno.

08:43 - Secondo un'analista i casi in Svizzera sono molti di piùIl numero di persone colpite in Svizzera dal coronavirus è molto più elevato rispetto alle cifre ufficiali e sarebbe piuttosto di 10'000, secondo l'analista Pierre Dessemontet. Lui e altri esperti sottolineano che per combattere l'infezione la "disciplina della popolazione" di fronte alle raccomandazioni delle autorità è fondamentale. Qui l'articolo completo

08:30 - Baviera chiude scuole fino al 6 aprileLa Baviera ha deciso di chiudere tutte le scuole da lunedì fino al 6 aprile. Si tratta di una misura a livello regionale e non federale. Lo riporta il Guardian. Altri tre Land hanno annunciato che prenderanno una decisione oggi. Anche Berlino oggi annuncerà se chiuderà tutti i suoi bar e i locali.

08:28 - Roche: via libera a nuovo test coronavirus, verifiche in massaLe autorità americane hanno concesso l'autorizzazione con procedura d'emergenza a un test per il coronavirus sviluppato da Roche che permetterà a ospedali e laboratori di sottoporre a verifica anche grandi quantità di campioni, ottenendo risultati in tre ore e mezza. Il via libera della Food and Drug Administration (FDA) statunitense rende disponibile il test anche su tutti i mercati che accettano il marchio CE, indica il gruppo farmaceutico renano in un comunicato odierno. "Con il nuovo test si potrà sottoporre a verifica molti più pazienti in un lasso di tempo minore", spiega Thomas Schinecker.

08:24 - Apple riapre tutti i suoi 42 store in CinaTutti gli Apple astore in Cina sono da oggi aperti, anche se alcuni con orari ridotti, ponendo fine alla prolungata chiusura per l'epidemia del nuovo coronavirus. Si tratta di 42 negozi bloccati agli inizi di febbraio febbraio, ma poi riavviati con grande difficoltà per le rigide misure contro la diffusione del contagio. La scorsa settimana erano 38 quelli operativi, ai quali si sono aggiunti anche gli ultimi quattro, secondo quanto riportato sul sito web della società californiana.

08:14 - Arrestato latitante, ha violato norme coronavirusArrestato a Bruzzano Zeffirio, in provincia di Reggio Calabria, il latitante Cesare Antonio Cordì, 42enne esponente di spicco della 'ndrangheta di Locri. L'uomo si nascondeva nel centro del reggino ed è stato individuato perché ha violato le norme emergenziali per il contenimento del contagio da Coronavirus.

08:06 - Cina, appena 8 casi e guarigioni all'80%In Cina i dati sui contagi di coronavirus sono scesi ieri a nuovi minimi assoluti: appena 8 nuovi casi registrati e 7 decessi, che portano il totale a 3.176. Il tasso delle guarigioni ha raggiunto quasi l'80%. I pazienti dimessi dagli ospedali sono stati ieri 1.318, ciò che porta le guarigioni complessive a 64.111, pari al 79,33% degli 80.813 contagi finora accertati. La Commissione sanitaria nazionale (Nhc) ha riferito anche che 6 morti fanno capo alla provincia dell'Hubei, l'epicentro dell'epidemia, e uno a quella dello Shandong.

07:54 - Canada, positiva la moglie di TrudeauLa moglie del premier canadese Justin Trudeau è positiva al coronavirus. Trudeau nelle scorse ore aveva annunciato il suo auto isolamento dopo che Sophie, la moglie, aveva mostrato sintomi di influenza. Trudeau, precisano le autorità americane, non è stato ancora sottoposto al test perché non mostra sintomi, ma resta in auto isolamento.

07:50 - In Corea Sud trend in calo, solo 110 casiLa Corea del Sud ha rilevato ieri 110 nuovi casi di contagio (114 mercoledì), aggiornando i minimi da più di due settimane e portando le infezioni da coronavirus al totale di 7.979. Il dato, riferito dal Korea Centers for Disease Control and Prevention, conferma il contenimento del focolaio di Daegu, tra le preoccupazioni delle infezioni in aumento a Seul. I decessi sono saliti a 67, mentre le guarigioni sono cresciute di 177 unità, attestandosi a quota 510.

07:47 - Argentina, sospesi voli da Usa, Europa e CinaIl presidente argentino Alberto Fernandez ha firmato un decreto che dispone la sospensione per 30 giorni dei voli verso l'Argentina da Paesi a rischio coronavirus, fra cui Usa, Europa, Cina, Iran, Giappone e Corea del Sud. In un messaggio a reti radiotelevisive unificate, il capo dello Stato ha precisato che la misura entrerà in vigore martedì prossimo e che, fino ad allora, le compagnie aeree potranno operare per permettere il ritorno dei cittadini nei loro Paesi di residenza.

07:44 - Usa, 1.600 i contagiati, 41 mortiSale il bilancio dei contagiati di coronavirus negli Stati Uniti. Sono più di 1.600, i morti sono invece 41.

07:37 - Bolivia, da sabato stop voli da e per l'EuropaLa presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, ha annunciato una serie di misure a contrasto del possibile espandersi del coronavirus sul territorio nazionale, fra cui la sospensione a partire da sabato dei voli da e per l'Europa. Fra le altre misure adottate dal governo, riferisce l'agenzia di stampa statale Abi, vi sono anche il minuzioso controllo sanitario sulla base dei criteri dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) di tutte le persone che entrino in Bolivia attraverso i posti di confine o gli aeroporti, ed anche la chiusura da oggi delle scuole di ogni ordine e grado, fino al 31 marzo.

07:33 - Crolla Silicon Valley, le 5 big bruciano 416 miliardiWall Street e la Silicon Valley non viene risparmiata. Apple, Amazon, Alphabet, Facebook e Microsoft bruciano complessivamente 416,63 miliardi di dollari durante la seduta di ieri. Facebook ha perso il 9,30%, Apple il 9,88%, Amazon il 7,98%, Alphabet l'8,2% a Microsoft il 9,48. Si tratta di un duro colpo per le big dopo i 320 miliardi di dollari persi nella giornata di lunedì.

07:23 - San Francisco chiude scuole per tre settimaneLa città di San Francisco chiude le scuole dal 16 marzo al 3 aprile a causa del coronavirus. "Dopo una lunga e attenta discussione abbiamo deciso di chiudere le scuole per tre settimane da lunedì 16 marzo fino al 3 aprile", affermano le autorità di San Francisco.

07:21 - Spagna, positivi leader di Vox e un'altra ministraIl leader del movimento di estrema destra spagnolo Vox, Santiago Abascal, è stato trovato positivo al coronavirus e anche Carolina Darias, ministra alle politiche territoriali del governo Sanchez: la seconda ministra il cui contagio è stato reso noto oggi oltre a Irene Montero, titolare delle Pari Opportunità.

07:13 - Atterrato a Roma volo da Cina con aiutiUn Airbus A-350 della China Eastern proveniente da Shanghai con a bordo un carico di aiuti contro il coronavirus è atterrato ieri sera intorno alle 22.30 all'aeroporto di Fiumicino. Il volo era stato annunciato nei giorni scorsi dai governi di Italia e Cina attraverso i ministri degli esteri dei due Paesi, Luigi Di Maio e Wang Yi. Presente all'arrivo l'ambasciatore cinese a Roma, Li Junhua.

07:08 - Il Marocco blocca i porti a tutti i passeggeriDopo aver chiuso i collegamenti con la Spagna, il Marocco blocca tutti i porti ai passeggeri di qualunque nazionalità e provenienza. La misura riguarda tutta la costa dal Mediterraneo all'Atlantico, da Saidia a Lagouira. Solo le merci possono accedere. Lo annuncia la direttrice della Marina mercantile Amane Fathallah.

07:07 - Trump preoccupato per possibile esposizioneAl di là dell'ostentata sicurezza pubblica, Donald Trump sarebbe preoccupato per una sua possibile esposizione al coronavirus. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti.

07:00 - Code lunghissime ai valichiSi registrano anche questa mattina code lunghissimi ai valichi più grandi. Sui gruppi dei lavoratori frontalieri, per contro, si legge che per deviare a questo disagio viario, alcuni sono partiti addirittura questa mattina alle 3.30, per essere al lavoro alle 06:00. 

06:05 - Anche il Belgio chiude tutte le scuoleScuole, caffè, ristoranti e discoteche saranno chiusi in Belgio per combattere la diffusione del nuovo coronavirus e tutti i raduni saranno cancellati “indipendentemente dalle loro dimensioni”. Lo ha annunciato giovedì sera la prima ministra belga, Sophie Wilmès. La chiusura delle scuole a livello nazionale sarà effettiva dal prossimo fine settimana “fino a venerdì 3 aprile compreso”.

06:05 - L'e-learning come soluzione alternativaSia la SUPSI che l'USI stanno iniziando a improntare misure per cercare di tenere in vita i propri corsi universitari. 

06:00 - Il Portogallo chiude le scuoleIl primo ministro portoghese, António Costa, ha annunciato giovedì sera la chiusura delle scuole fino a Pasqua. Il provvedimento sarà riesaminato il 9 aprile.

01:20 - La sanità fa un appello al Governo: chiudere tuttoL’Ente ospedaliero cantonale e la clinica Luganese Moncucco avrebbero chiesto al Consiglio di Stato, attraverso una lettera svelata dal Caffè (leggi qui), “l’interruzione di tutte le attività non essenziali compresa la chiusura di tutte le scuole”. Qui l'articolo completo