Come cambieranno le nostre case dopo il coronavirus?
Le visioni dei grandi architetti per il post pandemia: "Dovremo ripensare le nostre città"
Redazione
Come cambieranno le nostre case dopo il coronavirus?
Come cambieranno le nostre case dopo il coronavirus?

I noti architetti Jacques Herzog e Pierre de Meuron compiranno entrambi 70 anni in questi giorni e oggi su alcuni giornali hanno espresso le loro visioni dell'architettura dopo la pandemia di coronavirus. A loro avviso, le abitazioni del futuro non saranno in campagna, nonostante il maggiore impatto del virus nelle aree urbane. Herzog l'ha detto al "Tages-Anzeiger" che "il concetto di città è densità e vicinanza. Qui sta la sua bellezza e anche la sua tragedia", ha sottolineato. "Dovremmo ripensare le nostre città", come è già accaduto più volte nella storia, per ragioni militari o igieniche in caso di eventi drastici, ha aggiunto.

Parchi sui tettiDovremo portare la campagna in città e non viceversa. La gente non dovrebbe estendere il proprio spazio vitale alle zone rurali a causa della pandemia di coronavirus. "La salvezza del futuro sta nel preservare la natura", ha sottolineato l'architetto. Le zone urbane potrebbero essere più attraenti ed ecologicamente sostenibili, ha spiegato Herzog. "Attraverso nuovi parchi, anche in luoghi sconosciuti: sui tetti, su strade e binari ferroviari inutilizzati. Anche i laghi artificiali - lungo il Reno, ad esempio nella foresta di Hardwald - diventeranno un imperativo nel prossimo futuro", a suo avviso. Gli edifici dovranno essere sempre belli se vogliono resistere alla prova del tempo. La bellezza è e rimane la cosa più importante della nostra vita, ha avvertito Herzog.

Concetti nuovi per gli ospedali

De Meuron ha sottolineato nella "Neue Zürcher Zeitung" che la questione dei diversi tipi di edifici ospedalieri non potrebbe essere più attuale al momento. I due architetti stanno attualmente progettando e costruendo tre ospedali in Svizzera e in Danimarca. "Il nostro primo ospedale, il Rehab di Basilea, è una clinica per para e tetraplegici. In competizione con un altro concorrente, siamo stati gli unici a proporre una tipologia di edificio piatto, organizzato orizzontalmente", ha detto. Dopo una grave malattia o un tragico incidente, i pazienti sono inizialmente sdraiati immobili l letto e guardavano il soffitto. Ecco perché sono necessari i lucernari sferici nelle stanze, ha spiegato de Meuron. Caratteristici cortili interni e il legno caldo, che finora era stato categoricamente evitato negli ospedali per motivi igienici, sono altri elementi del progetto. Per l'ospedale pediatrico di Zurigo gli architetti hanno fatto considerazioni simili partendo dai bisogni del bambino e dei suoi genitori. Anche in questo caso l'organizzazione delle varie aree è orizzontale con una nicchia con una piccola finestra in ogni stanza e un'atmosfera quasi familiare. "L'ospedale istituzionale monofunzionale sta diventando un luogo multifunzionale, urbano e quindi più umano", ha spiegato de Meuron alla "NZZ".