Svizzera
Berset e Cassis al vertice ONU a New York
Keystone-ats
9 mesi fa
Il Presidente della Confederazione rappresenterà la Svizzera a un dibattito sulla guerra, mentre il direttore del DFAE parteciperà a un incontro sulla sicurezza della popolazione civile ucraina e a uno scambio di opinioni sulla Corte penale internazionale.

Il vertice annuale che apre l'Assemblea generale delle Nazioni Unite inizia domani a New York. L'organizzazione mondiale si trova ad affrontare più sfide che mai. E l'umore è cupo. La guerra in Ucraina, i terremoti in Marocco, le alluvioni in Libia e le centinaia di incendi in ogni angolo del pianeta sono tutti eventi che minacciano gli obiettivi di pace, diritti umani e sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Chi rappresenterà la Svizzera

Quest'anno la Svizzera è per la prima volta membro del Consiglio di sicurezza dell'ONU. Durante la cosiddetta "settimana ad alto livello" sarà rappresentata dal presidente della Confederazione Alain Berset e dal ministro degli Esteri Ignazio Cassis. Domani  Berset parteciperà al vertice sugli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU. Martedì, intorno alle 14 ora locale (le 20 in Svizzera), parlerà all'Assemblea generale.

Obiettivi e tempistiche

Gli obiettivi di porre fine alla povertà e alle disuguaglianze, proteggere il pianeta e garantire a tutte le persone salute, giustizia e prosperità sono stati fissati nel 2015 e dovrebbero essere raggiunti entro il 2030. Il bilancio intermedio del 2023 mostra però che i progressi sono rari e i fallimenti non mancano. Il Segretario generale Antonio Guterres propone quindi una riforma globale dell'architettura finanziaria internazionale. Ciò include questioni come il debito pubblico e nuovi indicatori per misurare la prosperità.

Il conflitto come tema centrale

La più grave violazione della Carta delle Nazioni Unite dalla fondazione dell'organizzazione - la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina - sarà per il secondo anno al centro di numerosi dibattiti. Il Presidente della Confederazione rappresenterà la Svizzera proprio a un dibattito del Consiglio di sicurezza sulla guerra. A questa riunione, prevista per mercoledì, dovrebbe prendere parte anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Per molti anni, il Consiglio di Sicurezza è stato profondamente diviso tra le potenze occidentali con potere di veto (Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti) da un lato, e Cina e Russia dall'altro. Il conflitto in Ucraina sta rendendo difficile colmare il divario.

Cosa farà Cassis

In quanto Paese con legami internazionali e orientato all'esportazione, la Svizzera pone il diritto internazionale pubblico al centro delle relazioni internazionali. Si impegna a impedire che prevalga la "legge del più forte". In questo contesto, il consigliere federale Ignazio Cassis parteciperà a un incontro sulla sicurezza della popolazione civile ucraina e a uno scambio di opinioni sulla Corte penale internazionale. Nel marzo di quest'anno, la Corte ha emesso un mandato di arresto per il presidente russo Vladimir Putin.

I grandi assenti

Putin, che già evitava le Nazioni Unite prima della guerra in Ucraina, sarà assente anche stavolta. L'ultima volta che è stato a New York risale al 2015, quando fu ricordato per una memorabile stretta di mano con il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Altri grandi assenti: l'uomo forte della Cina Xi Jingping e il presidente francese Emmanuel Macron.

I tag di questo articolo