Zurigo
Aveva tolto il preservativo di nascosto, condannato dopo il rinvio del TF
© Shutterstock
© Shutterstock
Keystone-ats
10 mesi fa
Assolto in primo tempo dall'accusa di atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere, l'imputato è stato condannato per molestie sessuali dopo il rinvio del caso dal Tribunale federale.

Un 25enne che si era tolto di nascosto il preservativo durante un rapporto - senza il consenso della partner - è stato condannato oggi dal Tribunale cantonale di Zurigo per molestie sessuali. Dovrà pagare una multa di 2500 franchi. In Svizzera non esiste una base legale per punire questa pratica, nota in inglese come "stealthing". La Corte è tornata ad occuparsi del caso su richiesta del Tribunale federale (TF).

"Troppo stretto"

I fatti risalgono al 2017. Il giovane, allora studente, si era giustificato affermando che il preservativo era troppo stretto. La partner lo aveva denunciato. Il Ministero pubblico aveva allora chiesto una condanna a 14 mesi di detenzione sospesi, per atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere.

Le accuse della procura

Rimuovere di nascosto il profilattico non è una questione banale, aveva sottolineato all'epoca la procura davanti ai giudici. La giovane, conosciuta su Tinder, aveva vissuto per settimane con la paura di contrarre l'HIV, tanto che aveva seguito la relativa profilassi. Il ragazzo non aveva invece mostrato alcuna empatia e aveva cercato di sminuire il suo atto con battute inappropriate.

Assolto dal tribunale di Bülach

Il Tribunale distrettuale di Bülach aveva però assolto l'imputato dall'accusa di atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere e così aveva fatto, in seconda istanza, il Tribunale cantonale di Zurigo. Per i giudici la rimozione del preservativo non poteva neanche essere classificata come stupro, dato che la partner aveva sostanzialmente dato il suo consenso.

Rinvio

Chiamato in causa, il TF nel 2019 aveva confermato l'assoluzione dall'accusa di atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere. Aveva però anche rinviato il caso al Tribunale cantonale di Zurigo per una nuova valutazione, affinché chiarisse in particolare se fosse stato commesso il reato di molestie sessuali.

Sanzione di 2'500 franchi

Dopo una nuova analisi, la Corte zurighese è ora giunta alla conclusione che effettivamente è possibile una condanna per questo reato. L'imputato, che all'epoca del reato studiava diritto, dovrà pagare 2'500 franchi, secondo la sentenza, pubblicata di recente. Il verdetto può tuttavia essere nuovamente impugnato davanti al TF.