Approvato il congedo per genitori che adottano
Dopo il Nazionale, anche gli Stati hanno approvato la revisione della legge che prevede 2 settimane di congedo durante l’adozione di un bambino. Marco Romano: “Finalmente”
di Radio3i/ls
Approvato il congedo per genitori che adottano
Immagine Shutterstock

Anche i genitori che adottano un bambino potranno beneficiare di un congedo pagato. Dopo il Nazionale nel settembre 2020, oggi anche gli Stati hanno approvato - con 37 voti contro 2 e 2 astensione - una revisione della Legge sulle indennità di perdita di guadagno (LIPG). Il progetto prevede un congedo di due settimane durante l’adozione di un bambino per i genitori che esercitano un’attività lucrativa, congedo che sarà finanziato dalle indennità per perdita di guadagno (IPG). Si tratta di un compromesso trovato dalla Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Nazionale rispetto all’iniziativa parlamentare di Marco Romano (Centro/TI) che ne chiedeva uno di dodici settimane.

Come viene accordato il congedo
Il congedo sarà accordato quando verrà adottato un bambino di età inferiore a 4 anni e sarà da prendere entro un anno dall’adozione. I genitori adottivi potranno scegliere chi dei due beneficerà della misura di sostegno o, se preferiscono, potranno suddividerselo. Non sono previste indennità per i genitori che adottano i figli del partner. Stando a stime dell’amministrazione, i costi sarebbero di 110’000 franchi all’anno. Non ci sarebbe bisogno di aumentare i contributi alle IPG. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

Romano: “Un segnale importante”
“Finalmente”. Così Marco Romano, consigliere nazionale PPD, accoglie l’approvazione della modifica di legge, scaturita appunto da una sua iniziativa parlamentare. “Depositai la richiesta nel 2013”, ricorda Romano a Ticinonews. “Le iniziative parlamentari necessitano di parecchio tempo, ma non bisogna mollare. Da oggi è legge: le famiglie che adottano avranno diritto al congedo di due settimane. È forse poco, ma è un segnale forte. È vero che vi è la differenza biologica, ma l’impegno nelle prime settimane di presenza di questi bambini è notevole ed era incomprensibile come lo Stato trattasse differentemente situazioni che di fatto sono uguali”.

Evitare una situazione a macchia di leopardo
In Ticino è già in vigore il congedo per genitori che adottano, al pari del congedo maternità. Ma non è uguale dappertutto. “Il Ticino è avanti in ambito sociale, ma era difficile capire come mai in Svizzera c’era questa situazione a macchia di leopardo, con Cantoni che non conoscevano questa possibilità, con pure differenze tra ente pubblico e privato”, prosegue Romano. “Oggi ogni cittadino svizzero che deciderà di adottare avrà diritto a un congedo pagato. È un riconoscimento verso questo sforzo encomiabile dell’adozione. Due settimane sono il minimo”.

  • 1