Le pagelle di Lugano-Zurigo
Baumann è dapprima salvato dal palo, ma poi si esalta in due occasioni. Kecskés alza le barricate, Guidotti è ormai una certezza
di della
Le pagelle di Lugano-Zurigo

Baumann: prima lo salva il palo poi si esalta in due occasioni. Voto: 4.5

Lavanchy: meno brillante del solito ma anche più ordinato. Voto: 4

Kecskés: alza le barricate. Anche se fisicamente non al top di lì non si passa. Voto: 4.5

Maric: la classica pulizia nel manovrare la difesa. Voto: 4

Daprelà: gestisce zona di campo e avversari. Voto: 4

Yao: meno svagato del solito. Negli ultimi 5 minuti in campo perde la concentrazione e Jacobacci saggiamente lo leva. Voto: 4

Lovric: 77 minuti di buona qualità. Fisicamente sta bene, tocca tanti palloni e ne sbaglia pochi. Voto: 4.5

Custodio: il gol che vale 3 punti e poi tantissimo filtro davanti alla difesa. Voto: 5

Guidotti: primi 15 minuti sontuosi poi cala ma “Guido” è ormai una certezza. Voto: 4.5

Lungoyi: lontano dalla sua amata linea dell’out sembra spaesato. Voto: 4-

Sabbatini: nell’inedito ruolo a supporto di Lungoyi svaria sul fronte offensivo con risultati apprezzabili. Voto: 4.5

Jefferson: pennella una punizione dal limite che avrebbe meritato miglior sorte. Voto: 4.5

Covilo: ci mette il fisico. Voto: 4

Macek: amministra bene alcuni palloni importanti. Voto: 4

Jacobacci: senza punte non cambia modulo, ma adatta gli uomini. Scelta vincente. Tre punti pesantissimi. Voto: 5

  • 1