Le pagelle di Lugano-Thun
Tredici minuti bastano a Guidotti per trovare il primo gol in Super League nato dall’assist di Lungoyi, il cui ingresso spacca la partita
di Nicola Martinetti
Le pagelle di Lugano-Thun
Foto Gabriele Putzu

BAUMANN: Il Thun non si rende mai veramente pericoloso tranne in occasione della rete dell’1-0, sulla quale il portiere bianconero non ha particolari colpe. Voto: 4

KECSKES: Altra buona prova del centrale magiaro, che ha l’unico demerito di perdersi Hefti – assieme ad un altro paio di suoi compagni – in occasione dell’1-0. Voto: 4

MARIC: Anche lui come Kecskes fa tutto bene, tranne la copertura su Castroman sulla rete del vantaggio dei bernesi, che è un po’ troppo morbida. Fa spesso a sportellate con Munsy, senza però farsi cogliere impreparato. Voto: 4

DAPRELÀ: È il migliore del reparto arretrato. Ruvido e concentrato, non fa passare nessuno dalla sua parte. Voto: 4,5

LAVANCHY: Gli impegni serrati e i tanti minuti nelle gambe non sembrano creargli troppi problemi. Si propone in fase offensiva e dietro è solido. Voto: 4,5

COVILO: Prova sottotono del centrocampista bosniaco, che si nota meno del solito in fase di copertura e fornisce pochi impulsi alla manovra della squadra di Jacobacci. Voto: 3,5

LOVRIC: Viene sostituito ad inizio ripresa, ma nel primo tempo disputa una discreta partita, che lo vede però sciupone negli ultimi sedici metri. Voto: 4

SABBATINI: Altro match di sostanza per il capitano bianconero, che accusa anche qualche momento di appannamento nel finale. Diffidato e ammonito per proteste, salterà la sfida di domenica a Sion. Voto: 4

YAO: Viene rigettato subito nella mischia dopo il disastro di Lucerna e risponde con una prova tutto sommato positiva, condita da qualche piccola disattenzione, ma anche da buona propositività in fase offensiva. Voto: 4

JANGA: Prova a fare a sportellate con la rocciosa difesa del Thun, ma a conti fatti tira assieme ben poco, venendo sostituito nella ripresa. Voto: 3,5

GERNDT: Meno appariscente del solito, smista bene qualche pallone in fase di manovra, ma sotto porta è poco incisivo e nel finale colpisce una traversa clamorosa con i suoi ancora sotto per 1-0. Voto: 4

CUSTODIO: Si rivede dopo qualche settimana di stop per infortunio. Non riesce a dare la sua impronta sul match. Voto: 3,5

HOLENDER: Entra per aiutare il Lugano a trovare il pareggio e fornisce una prova anonima. Voto: 3,5

LUNGOYI: Il suo ingresso in campo spacca la partita. Punta sempre l’uomo (a volte quasi fin troppo) creando occasioni pericolose. Da una di queste nasce l’assist per il gol del pareggio di Guidotti. Voto: 5

PAVLOVIC: Entra nel finale al posto di Yao e si vede poco. Voto: 4

GUIDOTTI: Nove minuti più recuperi gli bastano per trovare il primo gol in Super League e regalare un punto preziosissimo ai bianconeri. Voto: 4,5

JACOBACCI: La sua squadra disputa buona parte della partita con l’intento di non prenderle, più che darle. Poi, passata in svantaggio, mostra anche un carattere considerevole, che le permette – anche grazie ai cambi – di raddrizzare la situazione. Voto: 4

  • 1