I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
Presentatisi con ben otto assenti, i biancoblù perdono per strada anche Dal Pian e Manzato cedendo soltanto ai rigori
Redazione
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos
I resti di uno stoico Ambrì conquistano un punto a Davos

Un Ambrì-Piotta ridotto ai minimi termini (ai già 8 assenti si sono aggiunti durante la partita Dal Pian e Conz) ha ceduto soltanto ai rigori al Davos, seconda forza del campionato, sfiorando addirittura il successo pieno nei tempi regolamentari nel corso del quale ha colpito due pali con Trisconi (39') e Müller (43').

Sì, perché fino al 55'15'', la squadra di Luca Cereda conduceva per 2-1 grazie alle reti di Müller (28'06'') e capitan Bianchi (37'00''), che avevano fatto da contraltare a quella d'apertura di Palushaj (8'02''). E lo stesso canadese (20mo sigillo stagionale), al 55'15'' ha battuto Conz, subentrato al 40'55'' a Manzato, ha fissato il risultato dei tempi regolamentari.

Tutto quindi rinviato all'overtime, nel quale i biancoblù, superata con successo un'inferiorità numerica (penalità a D'Agostini), hanno sfiorato il gol-partita con una stoccata di Ngoy, a 10 secondi dal 65'.

Nulla da fare nel combattuto supplementare e decisione ulteriormente rinviata ai rigori, esercizio nel quale la squadra di Wohlwend ha avuto la meglio, grazie alle due trasformazioni dello svedese Tedenby (spettacolare la seconda).

Ambrì, che sale a quota 56 punti, ad una sola lunghezza da Berna e Langnau, che però hanno disputato due partite in meno. Sabato alla Valascia, i leventinesi cercheranno di ottenere una vittoria piena che permetterebbe loro di continuare a sperare in un'eventuale qualificazione ai playoff. Qualificazione raggiunta matematicamente dal Davos, che raggiunge quindi la capolista Zugo nel lotto delle squadre che si giocheranno il titolo a partire da sabato 7 marzo.

Tabellino

Davos-Ambrì Piotta 3-2 d.r. (1-0, 0-2, 1-0, 0-0, 1-0)

Reti: 8'02'' Palushaj (Kienzle) 1:0, 28'06'' Müller 1:1, 37'00'' Bianchi (Müller, 5c4, esp. Palushaj) 1:2, 55'15'' Palushaj (Nygren) 2:2. RIGORI SEGNATI: Müller, Tedenby, Tedenby.

Ambrì-Piotta: Manzato (40'55'' Conz); Plastino, Fischer; Fohrler, I. Dotti; Ngoy, Pezzullo; Moor; D'Agostini, Flynn, Sabolic; Dal Pian, Müller, Hinterkircher; Trisconi, Goi, Bianchi; J. Neuenschwander, A. Neuenschwander, Mazzolini; Schwab.

Note: Eisstadion Davos. 4.254 spettatori. Arbitri: Lemelin, Dipietro; Kaderli, Altmann. Penalità: 5x2' Davos; 8x2' Ambrì. Tiri: 31-27 (14-7, 8-11, 9-7, 0-2). Pali: 39' Trisconi, 43'20'' Müller, 62'29'' Lyndgren. Timeout: 60'43'' Ambrì. Infortuni a Dal Pian (36') e Manzato (40'55'').

National League - 45ma giornata: Davos-Ambrì Piotta 3-2 d.r., Berna-Zugo (ve, 19.45), Friborgo-Rapperswil (ve, 19.45), Losanna-Lugano (ve, 19.45).

Classifica di National League: 1. Zugo 42/82, 2. Davos 43/79, 3. Zurigo 44/76, 4. Ginevra 44/73, 5. Bienne 44/66, 6. Losanna 52/65, 7. Lugano 44/64, 8. Friborgo 42/58, 9. Berna 43/57 (-15), 10, Langnau 43/57 (-24), 11. Ambrì-Piotta 45/56, 12. Rapperswil 44/47.

Roberto Quadri