Netta sconfitta per il Lugano
Bianconeri superati 7-3 alle Vernets
di Thomas Schürch
Netta sconfitta per il Lugano
© CdT/ Chiara Zocchetti

Brutta sconfitta per il Lugano, costretto ad incassare sette reti sul ghiaccio di Ginevra. I bianconeri hanno pagato una prestazione difensiva insufficiente, caratterizzata da diversi errori.

Lugano avanti 2-1
Parte bene il Lugano che, dopo una prima occasione capitata a Lammer, passa in vantaggio al 04’17’’ con Suri. I bianconeri continuano a premere e Fazzini si rende pericoloso in due circostanze. Ma al decimo minuto, contro l’andamento del gioco, il Ginevra agguanta il pareggio grazie a una combinazione sull’asse Tömmernes-Winnik-Riat, quest’ultimo lasciato troppo libero di fronte a Schlegel. Le aquile continuano a premere e si creano tre occasioni in powerplay, colpendo anche un palo. A un minuto dalla sirena sono però i ticinesi ad andare a segno. Il marcatore è Boedker, alla terza rete consecutiva, servito con precisione da Arcobello. Le due squadre vanno alla prima pausa sul risultato di 1-2.

Avvio tremendo
Inizia come peggio non potrebbe il secondo tempo dei bianconeri, costretti ad incassare due gol in poco più di un minuto. Le reti portano le firme di Le Coultre e Tömmernes. Pelletier prova a squotere i suoi chiamando il timeout, ma sono ancora i romandi ad andare a segno a metà partita grazie alla precisa conclusione di Riat in situazione di cinque contro quattro. Nonostante l’inserimento di Fadani per Schlegel, una nuova superiorità numerica consente ai ginevrini di portarsi sul 5-2. Il marcatore, stavolta, è Miranda. La reazione del Lugano è affidata a Lajunen, che trova il gol in powerplay ribadendo in rete una respinta di Descloux. La seconda frazione si chiude quindi sul 5-3.

Nella terza frazione c’è spazio ancora per le reti di Richard e Rod, che sanciscono il definitivo 7-3 finale.

Tabellino:

Ginevra Servette HC-HC Lugano 7-3 (1-2) (4-1) (2-0)
Reti:
04’17’’ Suri (Lajunen) 0-1; 09’55’’ Riat (Winnik, Tömmernes) 1-1; 18’57’’ Boedker (Arcobello, Bertaggia) 1-2; 20’32’’ Le Coultre (Winnik) 2-2; 21’06’’ Tömmernes (Vermin) 3-2; 29’54’’ Riat (Le Coultre, in 5 c. 4) 4-2; 31’13’’ Miranda (Vermin, Omark, in 5 c. 4) 5-2; 33’56’’ Lajunen (in 5 c. 4) 5-3; 45’06’’ Richard (Vermin) 6-3; 47’24’’ Rod 7-3
Arbitri:
Müller e Dipietro (Schlegel e Burgy)
Ginevra: Descloux; Jacquemet, Tömmernes; Karrer, Le Coultre; Mercier, Maurer; Völlmin; Riat, Winnik, Omark; Moy, Fehr, Patry; Rod (C), Richard, Vermin; Berthon, Smirnovs, Miranda; Fritsche; Allenatore: Emond
Lugano: Schlegel (dal 30’12’’ Fadani); Heed, Riva; Loeffel, Wellinger; Nodari, Wolf; Chiesa; Boedker, Arcobello, Bertaggia (C); Walker, Lajunen, Suri; Bürgler, Herburger, Fazzini; Lammer, Sannitz, Morini; Romanenghi; Allenatore: Pelletier

  • 1