Lugano, la rimonta frutta un punto
I bianconeri, sotto di tre reti alla prima pausa, riescono a portare la sfida all’overtime. Il punto addizionale va però al Friborgo
di Thomas Schürch
Lugano, la rimonta frutta un punto
© CdT/Gabriele Putzu

Un punto in rimonta per il Lugano. I sottocenerini, di scena alla Cornèr Arena contro il Friborgo capolista, vengono superati 4-3 all’overtime.

I Dragoni vanno in fuga
Il Friborgo trova la via del gol al 03’07’’ grazie all’ex Jecker. Passati in vantaggio, i burgundi si difendono in maniera ordinata e sfiorano il raddoppio in powerplay, colpendo un palo con Mottet. Sono poi i ticinesi a beneficiare di una superiorità numerica e a rendersi pericolosi con Carr. Nel finale di frazione gli ospiti scavano quindi il solco: Brodin sigla la rete dello 0-2 al 18’10’’. Passano appena 45 secondi e Jörg supera un imperfetto Schlegel, portando a tre i gol di vantaggio dei Dragoni.

Il Lugano riapre la contesa
In avvio di periodo centrale i padroni di casa ci provano con Riva, mentre il Gottéron va vicino alla quarta rete; Rossi non riesce però a battere Schlegel e sono allora i bianconeri ad andare a segno con Loeffel, imbeccato da un assist di Boedker. Accorciate le distanze, gli uomini di McSorley insistono e, dopo aver centrato un palo, realizzano il secondo gol. Il marcatore è Arcobello, che devia alle spalle di Berra un tiro di Alatalo. Le due squadre vanno così alla seconda pausa aul parziale di 2-3.

Fazzini manda tutti all’overtime
Nelle battute iniziali del terzo periodo il Lugano supera indenne un’inferiorità numerica e al 45’00’’ i sottocenerini ottengono il 3-3 grazie a Fazzini, che in situazione di cinque contro quattro batte Berra tra i gambali. Nei restanti minuti dei tempi regolamentari il risultato non cambia e la partita prosegue dunque all’overtime.

Decisivo Marchon
A metà overtime il Lugano ha la ghiotta opportunità di giostrare con l’uomo in più. Sono però i burgundi a trovare l’episodio decisivo con Marhcon, che realizza in ‘shorthand’ il gol del definitivo 4-3 in favore del Friborgo.

Tabellino:

HC Lugano-Friborgo-Gottéron 3-4 ds (0-3) (2-0) (1-0) (0-1)
Reti:
03’07’’ Jecker 0-1; 18’10’’ Brodin (DiDomenico) 0-2; 18’45’’ Jörg (Diaz) 0-3; 28’50’’ Loeffel (Boedker, Müller) 1-3; 33’50’’ Alatalo (Carr) 2-3; 45’00’’ Fazzini (Boedker) 3-3; 63’34’’ Marchon (Desharnais, in 3 c.4!) 3-4
Arbitri: Stolc e Urban (Progin e Gnemmi)
Lugano: Schlegel; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Nodari, Werder; Fazzini, Arcobello (C), Carr; Traber, Josephs, Bertaggia; Morini, Herburger, Boedker; Vedova, Walker, Stoffel; Allenatore: McSorley
Friborgo: Berra; Gunderson, Chavaillaz; Sutter, Furrer; Diaz (C), Jecker; Dufner; Marchon, Desharnais, Mottet; Rossi, Walser, Jörg; Brodin, Schmid, DiDomenico; Bougro, Haussener, Jobin; Allenatore: Dubé

Gli altri risultati di serata:
Ajoie-Rapperswil 2-5
Berna-Losanna 3-2
Bienne-Ambrì-Piotta 3-2
Zugo-Langnau 3-2 ds

Classifica Lna:
1. Friborgo 25/53; 2. Zugo 25/51; 3. Bienne 27/51; 4. Rapperswil 27/51; 5. Davos 24/49; 6. Zurigo 22/39; 7. Berna 25/37; 8. Lugano 27/33; 9. Ambrì-Piotta 26/32; 10. Losanna 24/30; 11. Servette 25/27; 12. Langnau 27/24; 13. Ajoie 26/18

  • 1