Champions, niente bis per il Lugano
I finlandesi del Tappara Tampere si impongono 6-3 alla Cornèr Arena
di Thomas Schürch
Champions, niente bis per il Lugano
© CdT/Gabriele Putzu

Prima battuta d’arresto per il Lugano. Impegnati contro la compagine finlandese del Tappara Tampere nella seconda giornata di Champions Hockey League, gli uomini di McSorley vengono superati per 6-3.

Primo tempo a reti inviolate
Il Lugano, malgrado una buona entrata in materia, è costretto ad affrontare subito una situazione di inferiorità numerica, superata dai ticinesi senza conseguenze. Sono poi gli uomini di McSorley a beneficiare di quattro minuti con l’uomo in più; per i bianconeri ci prova allora Stoffel in powerplay, ma anche i finlandesi si rendono pericolosi in contropiede con Merelä.

Di nuovo in cinque contro cinque, il Tappara si fa vedere in un paio di occasioni dalle parti di Schlegel, sfruttando anche alcuni errori in impostazione dei luganesi. Le due squadre vanno comunque alla prima pausa sul parziale di 0-0.

I finlandesi dilagano
Nella seconda frazione gli uomini di Tapola prendono il largo e ipotecano la vittoria: due penalità ravvicinate per cambio scorretto consentono ai nordici di giostrare in doppia superiorità numerica e ci pensa Austin al 26’30’’ a siglare il punto dello 0-1. Trascorrono appena 29 secondi e Platzer raddoppia in situazione di cinque contro quattro. McSorley decide a questo punto di chiamare il timeout, ma la musica non cambia e i finlandesi vanno nuovamente a segno a metà partita con Salonen. Lo stesso Salonen realizza poi in powerplay la rete dello 0-4 al 33’03’’. Il periodo centrale si chiude dunque con gli ospiti avanti di quattro lunghezze.

Reti da ambo le parti
Nella seconda metà della terza frazione il Lugano riesce ad accorciare le distanze al 52’54’’ in powerplay con Carr. Quaranta secondi dopo è Jospehs a trovare la via del gol, permettendo ai sottocenerini di ridurre a due le lunghezze di distanza dagli ospiti. La rimonta bianconera però non si concretizza e Rauhala firma a porta vuota al 58’59’’ il punto del 2-5. Nell’ultimo minuto c’è spazio ancora per le reti di Moilanen da una parte e Tschumi dall’altra, che sanciscono il definitivo 3-6 finale.

Tabellino:

HC Lugano-Tappara Tampere 3-6 (0-0) (0-4) (3-2)
Reti:
26’30’’ Austin (Morley, in 5 c. 3) 0-1; 26’59’’ Platzer (Kuusela, Morley, in 5 c. 4) 0-2; 30’10’’ Salonen 0-3; 33’03’’ Salonen (Kinnunen, Tanus, in 5 c. 4) 0-4; 52’54’’ Carr (Thürkauf, in 5 c. 4) 1-4; 53’54’’ Josephs (Carr) 2-4, 58’59’’ Rauhala (Peltola, a porta vuota) 2-5; 59’27’’ Moilanen (Salonen) 2-6; 59’57’’ Tschumi (Vedova, Nodari, in 5 c. 4) 3-6
Arbitri: Stolc e Wiegand (Progin e Burgy)
Penalità: 7’x2 contro Lugano; 10’x2 contro Tappara Tampere
Lugano: Schlegel; Alatalo (C), Riva; Nodari, Müller; Chiesa, Guerra; Villa; Fazzini, Josephs, Carr; Walker, Thürkauf, Bertaggia; Vedova, Tschumi, Stoffel; Werder, Cortiana, Traber; Bedolla; Allenatore: McSorley
Tappara Tampere: Heljanko; Tuulola, Vittasmäki; Seppälä, Austin; Kinnunen, Jürgens; Salminen; Kuusela, Morley, Levtchi; Merelä, Virta, Tanus; Peltola, Platzer, Salonen; Rauhala (C), Moilanen, Puhakka; Vanhatalo; Allenatore: Tapola

Classifica Gruppo E:
1. Tappara Tampere 2/6; 2. Lugano 2/3; 3. Skelleftea AIK 2/3; 4. Eisbären Berlin 2/0

  • 1