Finale A per tre equipaggi rossocrociati
Alla Coppa del mondo di Sabaudia vanno avanti il doppio élite di Barnabé Delarze e Roman Röösli, la singolista “leggero” Sofia Meakin e il doppio pesi leggeri di Frédérique Rol e Patricia Merz
di Americo Bottani
Finale A per tre equipaggi rossocrociati

Vincendo la rispettiva prova eliminatoria, sia il doppio élite di Barnabé Delarze e Roman Röösli che la singolista “leggero” Sofia Meakin hanno raggiunto direttamente la finale A nella terza ed ultima prova di Coppa del mondo di Sabaudia. Obiettivo raggiunto anche per il doppio pesi leggeri di Frédérique Rol e Patricia Merz, giunto secondo alle spalle dell’armo olandese.

“Sin dalle prime palate ci siamo concentrati sulla nostra azione. Non vediamo l’ora di cimentarci nell’atto conclusivo. Battere la Polonia equivarrebbe a vincere per la seconda volta dopo, quella del 2019, la Coppa del mondo di specialità”, ci ha confidato Roman Röösli.

Soddisfatta pure la Meakin: “Il mattino presto il lago era perfettamente calmo. Ho potuto mettere in pratica la mia tattica di gara. Ho tuttavia dovuto remare con l’imbarcazione di Fabienne Schweizer visto che la mia è stata danneggiata durante gli allenamenti di ieri. Il mio allenatore (Bill Lucas) ha dovuto darsi da fare durante la notte per apportare gli aggiustamenti necessari all’imbarcazione”.

Tutto bene anche per quanto riguarda il doppio della Rol e della Merz, armo già qualificato per i Giochi olimpici di Tokyo. “All’inizio siamo stati sorpresi dalla velocità delle nostre avversarie. Poi, passo dopo passo, siamo riusciti a ritrovare il giusto ritmo il che ci ha consentito di raggiungere l’obiettivo prefissato. Certo le olandesi saranno un osso duro nella finale”. È quanto ci ha dichiarato la Rol.

Tutti gli altri equipaggi rossocrociati in gara oggi dovranno ricorrere ai ricuperi in programma domani mattina. Peccato per il giovane singolista “leggero” Jan Schäuble. L’esponente del SC Sempach, al comando al passaggio degli 800 metri si è poi visto superare da Svezia e Norvegia. Secondo posto per la singolista Fabienne Schweizer (passava solo il primo classificato). Quarto posto per il 4 senza di Markus Kessler, Paul Jacquot, Joel Schürch e Andrin Gulich, per il due senza di Scott Bärlocher e Nicolas Kamber e per il doppio femminile di Pascal Walker e Ella von der Schulenburg.

  • 1