Feller: “Gli svizzeri cercano di infettare tutti”
Oltre 12mila tifosi, molti senza mascherina, hanno assistito alla Coppa del Mondo di sci ad Adelboden. Lo sciatore austriaco era incredulo
Redazione
Feller: “Gli svizzeri cercano di infettare tutti”

La kermesse sciistica tenutasi oggi ad Adelboden, nell’Oberland bernese, in occasione della gara di Coppa del Mondo di slalom gigante ha suscitato stupore e preoccupazione tra gli atleti professionisti: in tempi di pandemia oltre 12’000 tifosi stipati strettamente e perlopiù senza mascherina hanno applaudito gli atleti, primo tra tutti l’elvetico Marco Odermatt, giunto al primo posto.

“Scene assurde al traguardo”
Dopo che l’anno scorso le gare si erano tenute davanti a tribune vuote a causa della diffusione del coronavirus, quest’anno gli spettatori sono stati nuovamente ammessi ad Adelboden: le autorità del canton Berna hanno dato la necessaria autorizzazione. Nella zona del traguardo, i tifosi si sono lasciati andare a selvaggi festeggiamenti dopo la vittoria del loro beniamino, malgrado la pandemia. Gli osservatori sul posto hanno parlato di scene “assurde”.

Feller: “In svizzera l’approccio alla pandemia è diverso”
“Gli svizzeri hanno in questa pandemia un approccio leggermente diverso. Cercano di infettare tutti nel corso di un fine settimana”, ha detto lo sciatore austriaco Manuel Feller, piazzatosi oggi secondo alle spalle del nidvaldese, in un’intervista ai microfoni della ORF.

Schmid: “Il tifo caloroso è una motivazione enorme”
“Dal punto di vista di noi sciatori, è difficile: dobbiamo dare prova di responsabilità e mantenere le distanze di sicurezza. Ciononostante, un tifo caloroso è una motivazione enorme, ed è semplicemente molto divertente quando l’atmosfera si accende”, ha aggiunto la sciatrice tedesca Alex Schmid.

Nessun obbligo di mascherina
Secondo gli organizzatori della gara di Coppa del Mondo, la regola 3G (vaccinati, guariti o testati) era oggi applicata ai tifosi in tutte le aree all’aperto. Non c’era l’obbligo di indossare le mascherine. Sul loro sito figurava comunque il seguente invito: “ci appelliamo ai sostenitori che si trovano nell’area dell’evento (all’esterno) affinché indossino una mascherina in segno di solidarietà”.

Cancellata la cerimonia di premiazione
In serata il comitato organizzatore ha cancellato solo con un breve preavviso la cerimonia di premiazione sul palco a causa di problemi di sicurezza. La decisione è stata presa nell’interesse della sicurezza degli atleti e della situazione sanitaria generale, hanno indicato.

Pieren positivo, segue le gare col binocolo
I contagi dilagano ovunque e non risparmiano neppure il circo bianco: di ieri infatti la notizia della positività del direttore responsabile delle gare di Adelboden Hans Pieren. Oggi il 59enne avrebbe dovuto assistere per l’ultima volta, dopo 28 edizioni, alle corse ma ha dovuto farlo in isolamento, dall’ufficio di casa sua. Pieren ha controllato lo slalom tramite un binocolo e collegandosi con tre radio al resto della sua squadra.

  • 1