Canottaggio
Campionati mondiali universitari di Rotterdam, medaglia d’argento per la ceresiana Olivia Negrinotti
Da sinistra il capo della delegazione svizzera, dott. Walter Frei, Bojan Reuffurth, Olivia Negrinotti e Roman Schubiger della “Ceresio”
Da sinistra il capo della delegazione svizzera, dott. Walter Frei, Bojan Reuffurth, Olivia Negrinotti e Roman Schubiger della “Ceresio”
Americo Bottani
13 giorni fa
Terzo rango nella piccola finale per lo zughese Bojan Reuffurth.

A dieci anni esatti dalla medaglia d’oro ottenuta nel due dalla ceresiana Francesca Bertini in compagnia di Ladina Meier di Zugo, la compagna di società Olivia Negrinotti, reduce dal secondo posto domenica scorsa in occasione dei Campionati nazionali, ieri mattina ha ottenuto una splendida medaglia d’argento nella finale A dei Campionati mondiali universitari andati in scena sul Willem Alexander Baan di Rotterdam. Le gare si sono disputate in condizioni difficili con lago mosso e forte vento a favore.

Un avvio complicato…

Seconda nell’eliminatoria, preceduta dalla ceca Alice Prokesova, terza nella semifinale alle spalle dell’ungherese Janka Zstros e della sudafricana Louise Courtney, la Negrinotti si è presentata al via nell’atto conclusivo smaniosa di poter confermare il suo felice stato di forma, ampiamente dimostrato nel corso della stagione. Non tutto è funzionato come previsto nel primo tratto di gara. In effetti, la ceresiana, transitava al quinto posto al primo rilevamento cronometrico, ancora quarta sia ai 1’000 che ai 1’500.

…e una grande rimonta

Tutto sembrava ormai compromesso per quanto riguarda il podio. Niente di più falso. Negli ultimi 500 metri la pupilla di Livio Padula ha innestato per così dire la quarta, facendo segnare il miglior tempo assoluto: 1’53”30, ciò che le consentiva di superare di slancio dapprima la polacca Wiktoria Kalinowska, successivamente la neozelandese Sophie Marie Egnot-Johnson. Solamente  la ceca Alice Prokesova è riuscita a contenere il veemente finale della Negrinotti, seppure con non poca fatica. Basti pensare che il distacco fra le due protagoniste di una stupenda finale è di soli 1”68. Un risultato che consente a Negrinotti di concludere una stagione ricca di soddisfazioni.

Podio per Reffurth

Sul fronte rossocrociato da segnalare anche il terzo rango nella finale B di Bojan Reuffurth, terzo domenica scorsa ai Campionati nazionali. L’atleta in forza al SC Zugo è stato preceduto dall’italiano Marco Gilardoni e dall’olandese Erik Talens. Il titolo è andato al moldavo Ivan Corsunov.