Mattia Gilardoni
Vacallo, cosa sta succedendo nel nostro comune
© CdT/Chiara Zocchetti
© CdT/Chiara Zocchetti
Redazione
13 giorni fa
Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione. La redazione si riserva la facoltà di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

In questo ultimo periodo sono apparse diverse pubblicazioni sulla stampa locale riguardanti il nostro paese, ma purtroppo non tutte riportavano i fatti in maniera veritiera e completa. Pertanto, ci teniamo a darvi la nostra visione dei fatti in modo che possiate farvi un’opinione con tutte le informazioni correlate. Ci teniamo anche ad illustrarvi cosa abbiamo fatto e cosa vorremmo fare.

Casa per anziani (CPA)

L’ultimo progetto presentato, nel tempo ci sono state innumerevoli varianti, prevedeva da parte del Comune di Vacallo, la cessione del diritto d’utilizzo alla Fondazione San Rocco dell’attuare comparto sportivo, l’edificazione di un autosilo da 120 posti e la costruzione di una palestra per la SAV.

Per un costo totale di 9'000'000 CHF di cui quasi 500'000 già spesi.

Da parte della Fondazione, la costruzione una struttura atta ad ospitare 80 posti letto e la gestione della stessa.

Oltre l’elevato importo destinato a strutture accessorie e non a diretto beneficio degli anziani, i problemi principali del progetto sono relativi al suo posizionamento, il terreno in questione beneficia di un accesso pedonale ritenuto insufficiente anche dal Tribunale Amministrativo, che è situato in zona verde protetta, pertanto, non può essere ampliato per permettere un accesso veicolare. Motivo per cui il progetto è stato osteggiato e alla fine si è ritenuto opportuno abbandonare il progetto. Più volte è stato chiesto di valutare delle nuove collocazioni vicine ai servizi e accessibili dai mezzi pubblici, ma l’esecutivo ha sempre asserito che non esistevano alternative.

Imposte e investimenti

Per anni si è deciso di non investire, non perché non ce ne fosse bisogno, si veda lo stato delle infrastrutture comunali (scuole, casa comunale, ex coop, ex asilo, strade, acquedotti (ora non più gestiti dal comune), …) ma unicamente per conservare liquidità per il progetto CPA.

Il risultato di questa strategia ha portato ad avere un’eccessiva liquidità che ci sta penalizzando perché stiamo perdendo fondi come quelli del livellamento intercomunale (105'000 CHF per il 2023), infrastrutture sempre più vecchie che in parte risultano ormai essere pericolose e una pressione fiscale che non si è abbassata nel tempo livellandosi a quella dei comuni limitrofi. 

Visto la lentezza nel procedere con i progetti di rinnovamento, che in parte sono in corso, vedi nuovo comparto scolastico, abbiamo ritenuto opportuno richiedere (già nel 2023 e poi nel 2024) l’abbassamento del moltiplicatore in modo da “restituire” parte del denaro alla cittadinanza. Nel 2023 la nostra richiesta è stata rifiutata dalla maggioranza del Consiglio comunale. Per il 2024 siamo in attesa della decisione.

Rifiuti

In diverse zone del comune ci sono problemi con gli animali selvatici che rompono i sacchi dei rifiuti e spargono il contenuto per strada. Questo, oltre a generare lavoro aggiuntivo per la pulizia potrebbe anche portare a problemi di salute pubblica, il suggerimento del Municipio di deporre il sacco in strada alle 6:00 di mattina ci sembra irricevibile.

I centri di raccolta sarebbero da potenziare aggiungendo la raccolta dei rifiuti solidi urbani, aumentando i punti di raccolta della carta e aumentando la frequenza con cui vengono svuotati.

Ambiente, salute, energia

In ambito energetico il Municipio si è mosso bene, la nostra illuminazione pubblica è stata rinnovata e la tecnologia LED ci ha permesso di risparmiare una somma interessante ma non ci dobbiamo fermare qui.

Oltre gli investimenti pubblici abbiamo chiesto, tramite una mozione, di aiutare anche i privati che spesso non hanno la liquidità necessaria per intraprendere un investimento del genere in autonomia, in modo da generare un beneficio a cascata su tutta la popolazione andando ad abbattere le emissioni nocive generate dalle energie fossili e garantendo un approvvigionamento energetico pulito e locale.

Se condividete quanto da noi detto e fatto, vi invitiamo a sostenere la nostra lista n. 1

Mattia Gilardoni per il Gruppo Lega-UDC-UDF-Indipendenti

I tag di questo articolo