Usman Baig - 1° agosto, valori e multiculturalità
Usman Baig - 1° agosto, valori e multiculturalità
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il patriottismo è il sentimento d’amore, devozione e senso di attaccamento al paese, insieme ad altri cittadini che condividono lo stesso pensiero per creare un senso di unità tra le persone.

L’appartenenza ad una nazione porta verso una missione per rendere migliore il proprio paese, crea un senso di unità e solidarietà.

Tutto questo ci aiuta a dare una direzione ed uno scopo alle nostre vite. Questi valori sono fondamentali per creare e rafforzare l’adesione sociale che fornisce gli ingredienti per il successo economico e sociale del nostro paese.

Gli aspetti legati al pluralismo, alla diversità insieme alla globalizzazione sono le vere sfide per l’identità nazionale.

Una discriminazione in seno alle varie fasce della società rappresenta una vera minaccia alla coesione nazionale.

Secondo il Consiglio federale, il primo passo nella lotta alla discriminazione consiste nell’ammettere che questa esiste sul piano strutturale, istituzionale e individuale. Si tratta di riconoscere le sofferenze patite dalle vittime dei seguenti comportamenti: la discriminazione razziale, la xenofobia, l’ostilità antimusulmana, razzismo contro i neri, antisemitismo, l’antiziganismo, l’omofobia e tutte le ideologie che si fondano sulla convinzione che gli esseri umani non siano tutti uguali – sono un vero attacco alla coesione e mettono a rischio i valori cardini della nostra patria.

Altresì va detto che la maggior parte dei casi di discriminazione razziale in Svizzera non ha motivazioni ideologiche, ma è l’espressione di ignoranza, paure diffuse, pregiudizi e, in generale, di mancanza di empatia.

Il miglior modo per scongiurare le spaccature in seno alla società è dialogare e promuovere momenti di ascolto, di scambio culturale, di praticare la tolleranza.

Occorre impegnarsi a favore di una cultura politica plurilinguistica, multiculturale ed educativa.

La società multiculturale all’interno di un paese è una fonte di maggiore valore, ricchezza e guadagno per l’intera società.

In questo momento di festa nazionale vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutte le persone, le istituzioni e le numerose associazioni che si impegnano in favore di una società coesa, multiculturale ed aperta al mondo.

Usman Baig - Economista aziendale SUPSI.

Membro del Comitato cantonale, I Verdi del Ticino

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1