Fabrizio Fridel
Un aiuto utile alle imprese familiari
Redazione
un mese fa
Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione. La redazione si riserva la facoltà di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Oltre 9 aziende su 10 in Ticino hanno meno di dieci dipendenti. Le aziende e società attive in Ticino sono circa 40'000. La nostra economia si basa dunque essenzialmente su piccole imprese e alcune imprese più grandi. Le imprese più piccole hanno naturalmente meno mezzi finanziari a disposizione, ma in proporzione sono confrontate a costi crescenti come le altre aziende. Fare l’imprenditore in Svizzera oggi è sempre più difficile perché la competizione sui mercati, anche locali, è sempre più forte e i costi come detto continuano ad aumentare.

Cessione pesantemente colpita dal punto di vista fiscale

A questa già difficile situazione si aggiunge il fatto che la cessione di un’azienda di famiglia, come ce ne sono molte in Ticino, ad esempio al momento del pensionamento del titolare, è pesantemente colpita dal punto di vista fiscale. Non tutti gli imprenditori purtroppo possono contare su coniugi o figli che riprendono l’azienda. Per quanto riguarda le imposte di successione e donazione il Ticino è tra i Cantoni più fiscali. Ad esempio, i conviventi in caso di eredità vengono colpiti da un’imposta del 41% quando la media svizzera è del 15%!

Perché votare sì

In Svizzera vi sono addirittura 7 Cantoni che non prelevano imposte. Questa situazione colpisce dunque gli imprenditori di famiglia e non tiene conto delle nuove forme di famiglia che negli anni si sono imposte anche nella nostra società. Io credo che questa situazione non sia giusta, perché noi ci impegnamo molto a favore del territorio e dei posti di lavoro. Trovo dunque giustificato sostenere la riforma fiscale in votazione il 9 giugno perché essa prevede una riduzione dell’imposizione fiscale di cui possono beneficiare anche le persone che manderanno avanti la mia azienda quando io smetterò. Una bocciatura della riforma fiscale causerebbe inoltre un aumento delle imposte del 3% a carico di tutti i cittadini. Oltre al danno anche la beffa, per questo vi invito a votare Sì. Per dare una mano anche a noi piccoli imprenditori del territorio. Grazie.

Fabrizio Fridel, Vacallo

I tag di questo articolo