Udc Ticino - Votazioni federali del 28 novembre 2021: 3 x NO
Udc Ticino - Votazioni federali del 28 novembre 2021: 3 x NO
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il Comitato cantonale di UDC Ticino, riunitosi a Bioggio il 16 novembre 2021, ha adottato all’unanimità le parole d’ordine per le votazioni federali del prossimo 28 novembre.

NO all’iniziativa sulle cure infermieristiche
Il comitato raccomanda il No, soprattutto per i seguenti motivi:
1. Il controprogetto – che entrerebbe automaticamente in vigore qualora l’iniziativa fosse respinta – riprende già gran parte delle richieste degli iniziativisti e, al contrario dell’iniziativa che prevede un iter arrivante fino a quattro anni, la sua applicazione sarebbe immediata.
2. La possibilità data agli operatori di fatturare direttamente le prestazioni alle casse malati provocherebbe una crescita dei costi della salute e quindi un ulteriore aumento dei premi. Anche il controprogetto prevede questa misura, ma con un meccanismo di controllo per evitare tali aumenti.

NO all’elezione dei giudici federali mediante sorteggio
Anche qui, la decisione è stata unanime per le seguenti ragioni:
1. L’indipendenza dei giudici dall’appartenenza partitica è solo apparente, in quanto – seppure non necessariamente tesserati per un partito – quali cittadini svizzeri, si schierano anche loro regolarmente a favore dell’uno o dell’altro fronte in occasione di elezioni e votazioni. Optando per
l’iniziativa, quindi, invece di ottenere una neutralità partitica nella composizione di tribunali, se ne accentuerebbe paradossalmente il disequilibrio in funzione di una maggiore o minore fortuna nel sorteggio.
2. Il secondo, ma non meno pericoloso, punto previsto dall’iniziativa è la rinuncia alla rielezione ogni sei anni, dando alla nomina una durata fino a 5 anni dopo aver raggiunto l’età di pensionamento, il pratica vita natural durante. Ciò libererebbe i giudici da qualsiasi verifica del loro operato.
3. La rappresentatività culturale, linguistica, eccetera, non verrebbe tenuta in conto, affidandola esclusivamente alla sorte.
4. Il comitato ha inoltre trovato grottesca la parificazione di un’operazione importante e delicata come l’elezione dei giudici federali, all’estrazione di una tombola domenicale.

NO alla legge Covid
Il No a questa legge era già stato preso all’unanimità con un’astensione, in occasione della riunione del comitato cantonale svoltasi lo scorso 8 settembre a S. Antonino.

UDC Ticino

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1