Tamara Merlo - Abolire la pressione dei livelli nella scuola media
Tamara Merlo - Abolire la pressione dei livelli nella scuola media
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Sul tema dei livelli per noi sono centrali le allieve e gli allievi.

Siamo convinte che il sistema attuale dei livelli vada abbandonato e superato, perché pone eccessivo carico sulle allieve e sugli allievi, in maniera immotivata.

Bambini che fino a pochi mesi prima erano alle scuole elementari, già all’inizio della prima media vengono messi sotto pressione perché di lì a poco dovranno essere suddivisi in A e B, e da subito devono “darsi da fare” per puntare al livello A...

Tutto sbagliato. Il tempismo, l’obiettivo, persino il nome che è stato dato: livelli A e B... Altro che “corso di Base” e “corso Attitudinale”: chiamandoli A e B, quello che rimane è un mero giudizio di valore, per cui c’è chi è “da serie A” e chi “da serie B”.

Assurdo, soprattutto pensando che tale giudizio è riferito unicamente a Tedesco e Matematica. Una scelta quanto meno discutibile, se non addirittura arbitraria.

Molte famiglie affrontano difficoltà e costi economici per lezioni private. Per cosa? Stiamo parlando della scuola pubblica obbligatoria.

È troppo presto, lo dice la scienza, per pretendere che dei giovanissimi riescano a proiettarsi nel futuro, ad avere una coscienza di quello che vorranno “fare da grandi”.

Alla ricerca spasmodica del livello A, per “tenersi aperte le porte”, molti ragazzini vivono gli anni delle medie con disagio, stress, preoccupazione. Infelicità. Non è giusto.

Con l’iniziativa “Basta livelli nella scuola media” diamo una risposta concreta a tutte quelle famiglie, genitori e figli, che subiscono ripercussioni a causa di un sistema che non ha ragione d’essere.

Tamara Merlo, granconsigliera Più Donne

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1