Stefano Dias - Restiamo lungimiranti
Stefano Dias - Restiamo lungimiranti
Foto CdT/ Chiara Zocchetti
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSSE) utilizza strumentalmente l’argomento Covid-19 per screditare la necessità di acquistare nuovi aerei da combattimento. Ma quello che questa crisi ci ha dimostrato è che abbiamo più che mai bisogno del nostro esercito per proteggerci da qualsiasi imprevisto. Questa crisi legata alla diffusione pandemica del Covid-19 ci ha davvero colto tutti di sorpresa. Di conseguenza, abbiamo dovuto adattarci rapidamente alla situazione per combattere il virus e proteggere la popolazione. Il Consiglio federale ha deciso di impiegare complessivamente circa 8’000 soldati nella lotta contro il virus. Il fatto che il nostro esercito sia organizzato come un sistema globale, ha fatto sì che si potesse mobilitare su vari fronti, dalla protezione delle frontiere al sostegno agli ospedali. Lo abbiamo visto molto bene anche in Ticino, dove l’intervento delle nostre forze armate è stato molto apprezzato dal nostro sistema sanitario, che si è ritrovato fortemente sotto pressione. Secondo il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport, finora sono state 370 le richieste puntuale da parte dei Cantoni nei confronti dell’esercito e circa richieste 70 sono ancora aperte. Se vogliamo che le nostre forze armate possano continuare a difenderci nelle situazioni di crisi, dobbiamo fornire loro i mezzi per farlo, e un modo efficace è certamente acquistare nuovi aerei da combattimento. Non si tratta affatto di un acquisto di lusso, ma semplicemente di un acquisto di necessità, pensato per il bene pubblico. I nostri caccia stanno diventando obsoleti, quindi è normale ed essenziale sostituirli per garantire la continuità e la sicurezza della nostra popolazione.

Stefano Dias, membro di comitato Verdi Liberali Ticino e Controllore del Traffico aereo

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1